in

Le nascite in casa sono sicure? Un nuovo studio pesa le prove

Un nuovo ampio studio indica l’idea che il parto in casa non comporta rischi maggiori per le madri e i loro bambini. Non è così semplice.

Una nuova massiccia meta-analisi del parto in casa suggerisce che le coppie non mettono i loro bambini a maggior rischio di morte perinatale o neonatale quando partoriscono a casa con un’ostetrica invece di andare in ospedale.   Ma non aspettarti che l’American College of Obstetrics and Gynecology cambi presto la sua preferenza per le nascite in ospedale. I  risultati dello studio, sebbene promettenti per i sostenitori del parto in casa, sono troppo ampi su cui agire e potrebbero, in effetti, mettere in pericolo le donne che prendono una decisione basata su questo singolo sondaggio. 

Innanzitutto, la definizione di “nascite in casa” in questo studio , la prima revisione sistematica della letteratura che confronta le nascite in casa con le nascite in ospedale, è scivolosa. Rientrano in due categorie distinte: parti in casa che avvengono in ambienti ben integrati in cui le donne hanno accesso a ostetriche autorizzate, attrezzature mediche adeguate e un piano di trasferimento in caso di emergenza; e ambienti meno integrati che non dispongono di queste misure di sicurezza. Dei 21 studi inclusi nel documento, solo quattro studi hanno esaminato ambienti non ben integrati. Nel complesso, gli autori dello studio possono trarre conclusioni sui parti in casa solo negli scenari migliori, ma non necessariamente per tutti gli altri, in particolare le donne che vivono lontano dalle cure mediche di emergenza. 

In secondo luogo, lo studio ha esaminato solo le gravidanze a basso rischio. C’è una buona ragione per questo: le donne che non hanno una gravidanza a basso rischio non dovrebbero scegliere il parto in casa. “Anche quando le persone decidono di voler partorire in casa, dovrebbero sempre seguire i consigli dell’ospedale in merito a controlli sanitari, screening e trattamenti”, spiega il dott. Sashini Seeni . “ Solo coloro che i medici hanno identificato come gravidanza a basso rischio possono optare per questo metodo di parto per evitare conseguenze indesiderate”.

Ma definire chiaramente un parto a basso rischio è un po’ complicato. Circa l’85% delle gravidanze è considerato a basso rischio secondo i Centers for Disease Control and Prevention , ma ciò non significa che la maggior parte delle nascite sia senza complicazioni. Le madri per la prima volta finiscono per trasferirsi in ospedale tra il 23 e il 37 percento delle volte quando tentano un parto in casa, spesso perché il bambino non è in grado di muoversi attraverso il canale del parto. A seconda di quanto tempo ci vuole per arrivare alle cure mediche, le conseguenze possono essere tragiche. “Il rischio più grande di pianificare un parto fuori dall’ospedale è che potresti comunque finire in ospedale”, spiega Rebekah Mustaleski, un’ostetrica professionista certificata. “Semplicemente non ci sono garanzie che non venga fuori qualcosa che richieda un trasferimento”.

Per i genitori, il risultato di questo studio è che esiste una cosa come un parto in casa sicuro, ma ci sono una miriade di fattori che contribuiscono a ciò che lo rende sicuro. Il parto in casa, con medici autorizzati di guardia, attrezzature mediche sterili e un piano di trasferimento di emergenza in atto, potrebbe rendere le nascite più convenienti senza compromettere la salute del bambino o della mamma? Potenzialmente. Non pensare di poter abbandonare tutti i processi medici e guardare alcuni tutorial su YouTube. Il parto non è il momento di tagliare gli angoli.

Saldi passeggini: risparmia Є 200 sul passeggino UPPAbaby Vista

Basta con il succo di frutta e il Gatorade. Basta dare già acqua ai bambini