in

Mangia, gioca, ama: la scienza del gioco e il suo impatto sullo sviluppo dell’infanzia

Per i bambini, il gioco è uno stato dell’essere. Per i genitori, è un investimento in tempo e denaro (basta chiedere all’industria dei giocattoli da 28 miliardi di dollari). Ma cos’è esattamente il gioco? La scienza ha una risposta.

Il gioco è essenziale per i bambini come genitori di legame e di vitamina D . I bambini non vogliono solo giocare, hanno bisogno di giocare per capire meglio il mondo. E questa esigenza spinge i genitori alle pratiche sportive e ai programmi di doposcuola alla ricerca di spazi adeguati per il gioco, e ai negozi di giocattoli alla ricerca di strumenti adeguati. Gli umani capiscono istintivamente la necessità del gioco e lo soddisfano. Ma chiedi a qualcuno, a chiunque, cos’è il gioco e difficilmente saranno in grado di definirlo. Chiedi a un esperto di sviluppo dell’infanzia una definizione clinica e probabilmente reciterà qualcosa di sconcertante, ampio e pesante da tenere in mano. 

Uno scambio comune potrebbe essere qualcosa del genere: 

Che cos’è il gioco? 

“Il gioco è innato”. 

Ma cos’è? 

“È un aspetto dello sviluppo biologico, psicologico e sociale”. 

Allora perché lo fanno? 

“I bambini giocano per dare un senso al loro mondo e praticano le cose che hanno imparato e osservato, praticano nuove abilità, interagiscono con gli altri e comunicano”.

Le risposte inizialmente ampie di cui sopra vengono per gentile concessione dell’esperta di comportamento infantile Dr. Stacy Stefaniak Luther, consulente e terapista del gioco . E in realtà sono risposte abbastanza buone; richiedono solo il disimballaggio. Il gioco sfida una definizione semplice e diretta perché è mutevole e mutevole. Il gioco dei bambini si trasforma in un gioco da bambini e così via attraverso una serie di “stadi” sfocati prima di affrontare il bagaglio sociale o professionale o addirittura di genere. E sembra completamente diverso da persona a persona. 

Una cosa sappiamo per certo: il gioco è essenziale per l’infanzia.

Il tempo trascorso a giocare è correlato a stabilità emotiva, voti migliori, più sonno, migliori abilità sociali, funzioni motorie avanzate, maggiore concentrazione, diminuzione dello stress, diminuzione della rabbia, aumento della creatività e semplice felicità. I genitori dovrebbero volere che i bambini giochino. Molto. Ma prima che possano iniziare a incoraggiare comportamenti di gioco, devono capire cosa sono. Che aspetto ha il gioco? Inizia con il contatto visivo – stiamo parlando di settimane fuori dall’utero – e catalizza rapidamente da lì. 

Giocare con il bambino

Gravity è il nostro primo compagno di giochi. Prendi questa classica scena del seggiolone: ​​un bambino prende un utensile o una tazza da bere e lo lascia cadere sul pavimento. Più e più volte, gli viene consegnato l’oggetto, lo fanno penzolare oltre il bordo e lo lasciano cadere, il tutto mentre si illuminano, ridono e guardano con chiaro fascino. Non solo stanno facendo saltare e reagire mamma o papà, stanno facendo un forte botto e stanno guardando un oggetto scomparire completamente.

“Se questo lancio ripetitivo sembra un gioco, è perché lo è”, afferma la dott.ssa Elanna S. Yalow, direttore accademico del KinderCare Learning Center. “Ma è anche esplorare la fisica, causa ed effetto e testare la reattività di un caregiver. Mostra il pensiero scientifico innato che hanno i bambini”.

Mentre la caduta del seggiolone è una delle prime forme riconoscibili di apprendimento del gioco e offre la chiara linea guida che l’apprendimento è un elemento coerente del gioco. Una volta che i bambini iniziano ad assaggiare, sentire, sentire e annusare oltre a vedere, faranno cose considerate gioco. Il riconoscimento da parte dei bambini dei propri movimenti casuali sono i primi segni osservabili di gioco, afferma Stefaniak Stefaniak Luther, ma il palcoscenico è pronto anche prima, quando il contatto visivo e le interazioni avanti e indietro iniziano tra genitore e bambino poco dopo la nascita. 

“Queste interazioni gettano le basi per sviluppare abilità di gioco”, afferma Stefaniak Luther. A cinque mesi, il gioco è in pieno svolgimento. I bambini iniziano a imparare la causa e l’effetto degli strumenti di esplorazione, come sonagli e libri di stoffa, con le mani e la bocca. Quasi tutto ciò che non è un pianto o un movimento intestinale fa parte del gioco a questo punto della vita.

I bambini e gli adulti giocano più o meno allo stesso modo. Quando si gioca a un gioco di carte o, ad esempio, al bowling, gli adulti esplorano causa ed effetto, modificando l’esperimento e mirando a perfezionare l’obiettivo, giocando le carte giuste o mandando la palla in un giro giusto lungo la corsia. La principale differenza tra il gioco dell’adulto e quello del bambino è quella delle conseguenze. Se l’adulto gioca male, perde la partita. Se il bambino non gioca, è in gioco il suo stesso sviluppo sociale e cognitivo. 

Come avviene il gioco?

“La spontaneità del gioco non è solo una cosa, è la cosa”, afferma il dottor Michael Alcée , uno psicologo clinico a Tarrytown, New York .

La “spontaneità” può essere descritta come una risposta a un impulso. È fondamentale giocare perché il gioco inizia quando siamo più connessi al nostro lato destro immaginativo, spiega Alcée. È allora che ci avviciniamo alla magia della meraviglia, della curiosità e della spontaneità, o ciò che Alcée chiama i “mattoni delle forme di creatività successive e più sofisticate che artisti, scienziati e innovatori mettono in tavola”.

I ricercatori che hanno studiato come i bambini determinano se qualcosa è divertente discutono sul fatto che la “costruzione” sia un tipo di gioco. Costruire qualcosa, per alcuni esperti, ha un obiettivo finale, quindi non è abbastanza inutile da essere considerato un gioco. Ma quando un bambino inevitabilmente va fuori copione con il suo set LEGO, c’è di nuovo un ampio consenso. 

Il bisogno di spontaneità definisce anche un ambiente particolare che è necessario per favorire il gioco. “Il gioco è un paradosso”, dice Alcée. “I bambini hanno bisogno di sentirsi abbastanza liberi per giocare ma anche abbastanza al sicuro nel loro ambiente da impegnarsi in esso e raccogliere i benefici dello sviluppo del gioco.” In altre parole, i genitori hanno meno bisogno di preparare il terreno che di togliersi di mezzo e lasciare che il divertimento abbia inizio.

Mentre questo è abbastanza naturale per un neonato o un bambino, un bambino in età scolare potrebbe avere più difficoltà a trovare un ambiente del genere. Questo in non piccola parte ripete a pappagallo il ragionamento per la nascita del metodo di educazione Montessori, “basato sull’attività autodiretta, sull’apprendimento pratico e sul gioco collaborativo”. Questa frase, strappata dalla pagina About di una scuola Montessori nel nord-ovest del Pacifico, avrebbe potuto facilmente provenire da un ricercatore di giochi. L’idea è più o meno la stessa: preparare il terreno per il gioco e togliersi di mezzo.

Fingere e far credere

Il bambino di due anni con il cappello da pompiere spinge il carrello della spesa giocattolo in giro per casa facendo un “wee-oh, wee-oh!” rumore; il bambino (e la fascia d’età è ampia per questo), allarga le braccia come ali e vola come un aereo, un uccello o un supereroe; il gruppo di bambini seduti attorno a figure d’azione che inventano una storia sulla loro giornata. Questi sono tutti esempi di gioco di finzione, che in genere si sviluppa tra i 18 ei 24 mesi. All’inizio, i bambini iniziano a usare il pensiero simbolico – come usare una spazzola per capelli come microfono – e all’età di 3 o 4 anni iniziano a impegnarsi in giochi di finzione elaborati e collaborativi. Da lì, le storie e i simboli si costruiscono l’uno sull’altro e il mondo diventa sempre più complicato. Per prova, chiedi a un bambino di 10 anni della sua mitologia personale di supereroi. Assicurati di dedicare qualche ora.

Lo psicologo Lev Vygotsky, un “padre fondatore” dello studio del gioco nel XX secolo insieme a Jean Piaget, considerava il gioco di finzione un fattore trainante nello sviluppo del bambino, favorendo la creatività e la risoluzione creativa dei problemi. Non tutti i ricercatori sono d’accordo con questo, ma alcuni studi  indicano un legame tra comportamenti simulati e successivo sviluppo cognitivo e abilità, comprese le abilità linguistiche e di lettura. In uno studio del 2010, i bambini in età prescolare a rischio che hanno ricevuto tutoraggio del vocabolario hanno ottenuto risultati migliori in un test del vocabolario quando il tutoraggio è stato combinato con un programma di gioco. Anche se sembra controintuitivo, il gioco di finzione in realtà ha aiutato i bambini a separare meglio la fantasia dalla realtà, secondo uno studio del 1977 .

“Nel gioco di finzione, il rinforzo deriva dal continuo piacere con i compagni man mano che il gioco progredisce”, afferma Stefaniak Luther. “L’interazione stessa promuove le abilità prosociali perché i coetanei vorranno continuare a giocare e si allontaneranno o daranno un feedback se non stanno godendo l’interazione per qualsiasi motivo. Allontanarsi dal gioco serve come un avviso non detto che l’interazione non è stata positiva e offre l’opportunità di apprendere e adattare il comportamento nelle interazioni future. In altre parole, è in realtà un’opportunità di apprendimento quando tuo figlio annuncia che sta prendendo la palla e sta andando a casa.

I tipi di gioco

Quando i bambini giocano, non stanno semplicemente seduti a raccontarsi storie l’un l’altro. Quando sono piccoli, il gioco, in una certa misura, include l’immaginazione, la fisicità e gli oggetti.

Il gioco fisico, il tipo di gioco più “in pericolo” secondo la dottoressa Rachel E. White del Minnesota Children’s Museum, è una delle forme meno studiate. Il gioco degli oggetti è la manipolazione giocosa degli oggetti. Può essere semplice come lanciare un sasso o complesso come mettere insieme il set LEGO Harry Potter della Scuola di Hogwart da 10.000 pezzi. Entrambe queste forme di gioco iniziano giovani. I suddetti movimenti casuali di un bambino di settimane contano per molti come l’inizio del gioco fisico. I ricercatori concordano sul fatto che il gioco con gli oggetti di solito inizia intorno all’1 (uno studio del 1993 ha  concluso che i bambini di circa 1 anno sono in grado di provare a duplicare il rumore che fa un corno o una nacca quando viene presentato un oggetto dall’aspetto simile). Molti pensano che inizi prima.

C gioco reative arriva più tardi, quando i bambini hanno una conoscenza sui materiali a tempo indeterminato e possono praticare il gioco di rappresentazione, come ad esempio un utilizzando una banana come un telefono, Yalow dice. I materiali aperti consentono inoltre ai bambini di usare la loro immaginazione e pensare in modo simbolico, oltre a immaginare molteplici usi per un oggetto, come una scatola che un giorno è un aereo e un treno il giorno successivo.

Aggiungi la socializzazione, un altro pezzo cruciale del puzzle del gioco, e ottieni qualcosa di ancora più complesso. Una partita di calcio per bambini è molto più che bambini impegnati in un gioco con parametri impostati da adulti. Come sa qualsiasi genitore che abbia visto il proprio bambino “giocare a calcio”, il gioco consiste nel praticare la coordinazione fisica, l’autoregolazione delle emozioni (cioè, calmarsi una volta che il gioco finisce), prestare attenzione e prendere una direzione, esplorare la fisica di una palla e campo e interagire con gli altri. Quando sorge un conflitto durante il gioco – e questo vale per tutto il gioco sociale – i bambini imparano a negoziare, come difendersi e come affrontare la frustrazione. In altre parole, il calcio per bambini non riguarda affatto le regole del gioco imposte dai genitori. Il gioco, alle condizioni dei bambini, trova un modo.

Teoria del gioco

Il motivo per cui i bambini spesso lottano per praticare sport organizzati allo stesso modo degli adulti ha a che fare con il tipo di gioco che è innato nell’infanzia e il tipo di gioco che non lo è. Dal punto di vista della teoria dei giochi, il calcio è un gioco chiuso. Ogni concorso è limitato da linee, tempo, regole e dall’idea che qualcuno possa vincere. Praticamente tutti gli sport funzionano in questo modo, ma i giochi chiusi sono insoliti per i bambini.

I bambini normalmente giocano a giochi più aperti, che mutano man mano che procedono. A differenza del calcio, è probabile che un gioco di finzione finisca con una struttura diversa da quella con cui è iniziato. Una principessa diventa un astronauta e un fossato diventa la superficie della luna. Le regole vengono scartate e volutamente fraintese. L’obiettivo del gioco diventa la continuazione del gioco a condizioni più o meno uguali da parte di ciascun giocatore. Il gioco, in breve, non è solo il gioco, ma il gioco del decidere costantemente quale potrebbe essere il gioco. (Considera Calvinball il miglior esempio possibile di questo fenomeno.)

La teoria dei giochi considera il processo decisionale collettivo e individuale e c’è una ragione per cui. I giochi rappresentano un tipo specifico di gioco sociale che richiede tale processo decisionale e lo modella di fatto. I giochi ci insegnano a prendere decisioni e i giochi aperti e chiusi insegnano ai bambini come prendere diversi tipi di decisioni in scenari diversi. Detto questo, l’esposizione a giochi chiusi in assenza di giochi aperti (un problema nell’età del bambino troppo programmato) potrebbe rappresentare un rischio. La vita è più simile a un gioco aperto. 

I videogiochi offrono un enigma specifico per gli esperti di gioco. Questi mondi possono dare l’impressione di essere aperti data l’estensione del loro mondo, ma sono essenzialmente chiusi, guidati da regole e da un modello in cui il vincitore prende tutto. Una tale mentalità funziona bene se giochi per vivere, ma rappresenta un modello imperfetto per coloro che non lo fanno. Il gioco aperto ha, almeno da una prospettiva razionale e strategica, molto di più da insegnarci su come essere nel mondo.

Alcée la guarda da un’altra prospettiva psicologica. “Se sono usati principalmente come distrazione e ritiro dalla realtà, allora non sono così creativi e psicologicamente preziosi”, dice. “Ma i videogiochi hanno vantaggi definiti in termini di risoluzione dei problemi, profondo coinvolgimento con la narrativa e il personaggio, creatività e anche al giorno d’oggi, una grande componente sociale”.

L’importanza del gioco

Prove convincenti sull’importanza del gioco si trovano nella ricerca sui bambini che non hanno tante opportunità di giocare. La dott.ssa Doris Bergen dell’Università di Miami osserva nel suo studio,  The Role of Pretend Play in Children’s Cognitive Development, che una mancanza a lungo termine di opportunità di gioco ha avuto un effetto negativo sullo sviluppo delle abilità di alfabetizzazione, matematica e scienze .

Quando c’è troppa realtà non mediata, o trauma, che entra nel mondo del bambino, si chiudono temporaneamente, e questo devia la naturale capacità di gioco. “L’esplorazione spontanea, la curiosità e l’integrazione vengono messe da parte e vengono invece sostituite da una forte vigilanza, un istinto di sopravvivenza sovraccaricato che non consente al bambino abbastanza libertà e relax per essere giocoso”, afferma Alcée. “Inoltre, il bambino perde la capacità di portare parole o simboli a ciò che è la sua esperienza, e quindi va offline come se davvero non ci fosse”.

La mancanza di gioco ha delle conseguenze. Bergen osserva che quando soprattutto il gioco immaginativo viene messo in attesa, possiamo aspettarci che l’assunzione di prospettiva, il pensiero astratto, la risoluzione dei problemi, lo sviluppo del linguaggio e le abilità accademiche siano tutti ritardati. Uno  studio recente , pubblicato su PLoS One , ha scoperto che il gioco sociale non solo aumenta la gioia dei bambini nell’apprendimento e il piacere dell’insegnamento degli insegnanti, ma riduce il bullismo e l’ostracismo tra pari. Il gioco di qualità per i bambini assume un ruolo cruciale in un’ampia varietà di sviluppo cognitivo e sociale.

Fortunatamente, c’è una soluzione per i bambini il cui gioco è stato ostacolato da traumi o influenze esterne: più gioco. Sebbene la loro capacità di farlo sia danneggiata da un trauma, il gioco è uno strumento importante per aiutare i bambini traumatizzati a guarire. “Il gioco può essere particolarmente importante per i bambini che sono stati esposti a stress tossico”, afferma Yalow. “Lo sviluppo delle capacità delle funzioni esecutive può aiutare a costruire la resilienza e il gioco può essere utilizzato per sviluppare queste abilità essenziali per la vita”.

Per altri, il gioco sembra una panacea per i bambini. “Il gioco cattura e affascina, stimolando la formazione sinaptica e stimolando la cognizione”, afferma il dottor Jack Maypole, professore associato di pediatria presso la Boston University School of Medicine, direttore del Comprehensive Care Program presso il Boston Medical Center. “Aiuta i piccoli cervelli affamati di nuove esperienze e relazioni a imparare a prestare attenzione e concentrarsi. Gioia e risate cementano insieme il processo”. 

Se c’è una cosa da togliere dalla scienza del gioco, sarebbe probabilmente che, come dice Maypole, “il divertimento è motivazione”. Ora c’è una regola con cui fare i genitori.

Come promuovere il gioco

I genitori possono aiutare i bambini a ottenere il massimo dal gioco e usarlo per rafforzare il legame genitore-figlio. Ma non vuoi aiutare troppo. “Guidare il gioco può andare bene, ma bisogna stare attenti a dare abbastanza spazio affinché l’ignoto prenda forma”, dice Alcée. Ecco cosa significa a livello pratico. 

  • Abbraccia la storia di tuo figlio. I genitori dovrebbero cercare di rimanere all’interno della metafora, dei personaggi o della forma che i bambini iniziano. Ciò significa che è essenziale essere pazienti e seguire il flusso nei giochi dei bambini.  
  • Lascia cadere la torre di blocco. “Man mano che i tuoi figli imparano a esercitarsi e riprovare, svilupperanno capacità di pensiero critico, iniziativa e creatività”, afferma Lee Scott, presidente del comitato consultivo educativo per The Goddard School, un franchising nazionale di educazione della prima infanzia.
  • Non forzare la socializzazione. Quando i bambini si impegnano in “giochi paralleli”, giocano nella stessa area e forse con giocattoli simili ma non stanno facendo la stessa cosa, condividendo o interagendo con un altro bambino. Questo va bene.
  • Non cercare un significato. “A volte la cosa migliore che un genitore può fare è mettere da parte le proprie nozioni su ciò che dovrebbe accadere durante il gioco e lasciare semplicemente che il proprio figlio faccia da apripista ” , afferma Yalow.

Le 4 fasi della skincare di Hailey Bieber

Saldi passeggini: risparmia Є 200 sul passeggino UPPAbaby Vista