in

Il sondaggio mostra che i genitori sono interessati al sangue cordonale, ma hanno ancora molto da imparare

La banca del sangue cordonale è un argomento di tendenza tra le coppie in attesa. Ma è per te? Ecco cosa ha trovato il nostro sondaggio sui genitori e sui genitori in attesa.

Quanto segue è stato prodotto in collaborazione con Cord Blood Registry (CBR) , la banca di cellule staminali neonatali più grande al mondo.

Se la conoscenza è potere, allora dovremmo tutti trarre conforto dal fatto che il 72 per cento dei genitori ha sentito parlare del sangue cordonale e delle banche dei tessuti: il processo di salvataggio del sangue rimanente nel cordone ombelicale (e nel cordone stesso), dopo la nascita, per potenziale utilizzo futuro.

Quello che una volta sembrava roba da fantascienza è ora un’opzione medica molto reale in alcuni casi. Ma sapere che la procedura esiste e capire effettivamente come funziona sono due cose diverse.

Nella nostra indagine su 1.334 futuri genitori, abbiamo scoperto che c’è ancora molto da imparare sui potenziali benefici della banca del sangue cordonale. Ecco cosa sanno, non sanno e stanno pianificando di fare i genitori e i genitori in attesa per la conservazione del sangue cordonale.

Quasi tre genitori su quattro in attesa conoscono il sangue del cordone ombelicale

Considerando che le procedure di trapianto di sangue cordonale sono ancora relativamente nuove, il fatto che quasi 3/4 degli intervistati conoscessero il sangue cordonale è impressionante. La prima procedura eseguita con il sangue cordonale è stata eseguita nel 1988; entro il 2017 sono stati eseguiti circa 40.000 trapianti e conservate 700.000 unità di sangue cordonale donato; CBR ha oltre 900.000 archiviati per un potenziale uso personale. Potrebbe essere d’aiuto il fatto che il 64% delle persone intervistate fosse in attesa del secondo o terzo figlio: più tempo al posto di guida dei genitori porta ad essere meglio informati sulle scelte disponibili per la salute del loro bambino.

I genitori generalmente non sono consapevoli del potenziale del sangue cordonale

La maggior parte degli intervistati non era a conoscenza del pieno potenziale del sangue cordonale nel trattamento – e possibilmente nella cura – di alcune delle malattie più difficili che affrontiamo. In effetti, la maggior parte delle persone pensava che il sangue cordonale potesse essere usato per trattare circa 23 diverse malattie, il che è impressionante, ma non così impressionante come le 80 malattie che attualmente possono essere trattate con il sangue cordonale (solo il 28 percento ha risposto correttamente a questa domanda). Tra le malattie più comuni ci sono vari tipi di cancro, malattie del sangue e disturbi immunitari.

Circa la metà non è sicura se metterà in banca il sangue del cordone ombelicale.

Forse perché non hanno il quadro completo dei potenziali benefici, il 43% dei genitori è indeciso se iscriversi alla banca del sangue cordonale. D’altra parte, il 35% si è già impegnato a conservare il sangue cordonale del proprio figlio.

Quasi la metà dei genitori che hanno deciso   di prelevare il sangue cordonale ritarderà anche il serraggio del cordone

Dei genitori che hanno preso una decisione sul sangue cordonale, il 64% dei genitori metterà in banca il sangue cordonale, quasi la metà chiederà un clampaggio ritardato (c’è una sovrapposizione perché quasi 1/3 dei genitori prevede di fare entrambe le cose). Il clampaggio ritardato è l’atto di mantenere il cordone ombelicale connesso tra mamma e bambino per più di 30 secondi dopo la nascita. In tal modo, la ricerca ha dimostrato che i neonati ricevono una dose extra di sangue ricco di sostanze nutritive. E, sì, puoi sia ritardare il clampaggio del cordone che prelevare il sangue del cordone ombelicale del tuo bambino.Sponsorizzato da CBR

La Differenza CBR

Cord Blood Registry® (CBR®) è l’azienda di cellule staminali neonatali più grande ed esperta al mondo. Dal 1992, le famiglie hanno affidato a CBR la conservazione di oltre 900.000 campioni di sangue e tessuto cordonale.

Le banche private del sangue cordonale sono meglio riconosciute e più affidabili

Le banche familiari, come il Registro del sangue cordonale , classificata come la banca più riconosciuta nel sondaggio, conserveranno e conserveranno il sangue cordonale solo per la tua famiglia. C’è un costo iniziale seguito da pagamenti annuali di stoccaggio.

Nella scelta di una banca, i costi sono importanti per i genitori

L’accessibilità è in cima alle classifiche come il fattore più importante nella scelta di una banca del sangue cordonale: il 28% dei genitori considera questo il criterio numero uno. La raccomandazione di un medico o di un amico è seguita da vicino come il secondo fattore più importante (22 percento), mentre la posizione, il nome del marchio, il servizio clienti e gli anni di attività sono stati meno importanti nella scelta della banca del sangue cordonale da utilizzare.

I pagamenti mensili minimi sono il modo preferito per pagare

Dato che la quota di iscrizione media per la conservazione del sangue cordonale in una struttura privata è di circa $ 1.300, non sorprende che la maggior parte dei genitori preferisca dividerlo in pezzi di dimensioni ridotte. Pagare $ 50 al mese per 36 mesi è stato il metodo di pagamento preferito per il 50 percento dei partecipanti al sondaggio, quasi il doppio del numero di persone che hanno optato per il piano successivo più economico di $ 125 al mese per 12 mesi. Ehi, quando acquisti pannolini a carico del camion e articoli per l’infanzia ogni settimana, può essere d’aiuto ripartire il costo di altri investimenti.

I genitori stanno mettendo in banca il sangue del cordone per un futuro più lontano

Parlando di investimenti, per la maggior parte dei genitori che abbiamo intervistato, il sangue del cordone ombelicale non è qualcosa che stanno facendo perché pensano che sarà usato domani. Il 16% vede gli attuali benefici del sangue cordonale, mentre quasi il 40% crede che il vero guadagno non sarà noto fino a un certo punto più avanti nella vita dei nostri figli. Questo è probabilmente vero, poiché ci sono più di 300 studi clinici fino ad oggi che lavorano per sbloccare il potenziale delle cellule staminali presenti nel sangue e nei tessuti del cordone ombelicale.

Coronavirus e bambini: i medici rispondono alle domande dei genitori sul COVID-19

I migliori giochi al coperto per bambini e famiglie in quarantena