in

Ho provato a svezzare mia figlia con l’aceto, e TBH ha funzionato come un incantesimoI Tried Weaning My Daughter With Vinegar, & TBH It Worked Like A Charm

Quando ho avuto la mia prima figlia, per qualche motivo avevo pensato che esattamente 12 mesi erano la quantità di tempo perfetta per allattare un bambino: né più né meno. Avevo visto mia cugina tirare fuori il seno per allattare il figlio di 18 mesi, e l’avevo giudicata compiaciuta per questo. Se il bambino può chiedere dei secondi, è troppo vecchio per la tetta, ho pensato .

Poi è nata mia figlia e il nostro anno di allattamento al seno è andato e veniva. Mi sono reso conto che era solo più facile continuare che smettere. Pensavo che avrebbe smesso da sola e che non avrei dovuto passare attraverso il processo di svezzamento, come era stato il caso con i miei amici e i loro bambini. Ma come spesso accade nella vita di una madre, le cose non sono andate secondo i piani.

Mentre mia figlia si avvicinava al suo secondo compleanno, ho deciso che era ora di mettere il kibosh sulla nostra relazione di allattamento al seno. Ho dovuto ricorrere a misure drastiche per svezzare il mio bambino – in questo caso, usando un flacone spray di aceto sui miei capezzoli .

Per gentile concessione di Crystal Henry

All’inizio ero combattuto. Ho apprezzato il fatto che l’allattamento al seno fosse facile e conveniente. Non avevo bisogno di lavare tazze antigoccia extra, non avevo ancora ripreso il ciclo e avevo perso un sacco di peso perché dovevo mangiare senza latticini a causa dell’intolleranza ai latticini di mia figlia . Ma francamente, sentivo molta pressione per smettere. La maggior parte dei miei amici aveva svezzato i loro bambini durante l’infanzia (secondo la National Association for Child Development, la maggior parte dei bambini americani sono svezzati a circa 3 mesi) e molti di loro hanno detto che non era stato un problema; infatti, era stata un’idea del bambino svezzare.

Ho cercato di convincere mio marito a dirmi cosa fare, ma sempre l’avvocato dei diritti delle donne, mi ha detto di prendere la decisione da solo. Purtroppo non lo sapevo.Ha tirato fuori senza sforzo il mio seno dalla mia canotta e si è attaccata proprio lì nel corridoio sette, come se niente fosse. Sotto le luci fluorescenti del supermercato, il mio seno nudo e freddo mi ha detto che era ora di rompere con l’allattamento al seno.

Poi un giorno, mentre passeggiavo per il negozio di alimentari, mi sono fermato a uno scaffale e ho cercato di decidere quale Oreo sembrava migliore. All’improvviso, mia figlia, che aveva chiesto uno spuntino per tutto il tempo, ha avuto voglia del migliore amico di un biscotto: il latte. Ha tirato fuori senza sforzo il mio seno dalla mia canotta e si è attaccata proprio lì nel corridoio sette, come se niente fosse. Sotto le luci fluorescenti del supermercato, il mio seno nudo e freddo mi ha detto che era ora di rompere con l’allattamento al seno.

Per gentile concessione di Crystal Henry

All’inizio, ho provato un sacco di metodi di svezzamento più rilassati. Ho provato la vecchia tecnica “non offrire, non rifiutare” , che in pratica significava che la stavo allattando quando me lo chiedeva, ma non le stavo nemmeno spingendo il seno in faccia tutto il giorno. Se sei disposto ad aspettare indefinitamente per lasciare che tuo figlio si svezzasse gradualmente, sembra un piano abbastanza buono, ma a quel punto, volevo che il mio corpo tornasse a me stesso il prima possibile.Non aveva mai avuto un amore, una coperta o un peluche che la facessero sentire al sicuro. Tutto quello che aveva mai usato per il comfort era la sula. E ora le stavo dicendo che dovevo portarglielo via.

Mia figlia stava ancora chiedendo il seno più volte al giorno, quindi ho optato per l’altro estremo e ho provato a svezzare il suo tacchino freddo. La prima volta che ha stretto i pugni facendo il segno per il latte, le ho offerto una tazza sippy di latte di mandorle. Mi ha guardato come se fossi fatto e ha buttato via la tazza. “Nuk, nuk”, ha detto indicando i miei pupazzi maglione.

“No nuk”, le dissi, offrendo di nuovo la tazza. Il dolore nei suoi occhi ha ucciso il mio cuore. Non aveva mai avuto un amore, una coperta o un peluche che la facessero sentire al sicuro. Tutto quello che aveva mai usato per il comfort era la sula. E ora le stavo dicendo che dovevo portarglielo via. Sembrava crudele.

Mi rendo conto che lo svezzamento del tacchino freddo funziona bene per alcune mamme , e non sono qui per giudicarle un po ‘. Ma sapevo che non avrebbe funzionato per noi. Tutto nel mio cuore di mamma urlava che era sbagliato e non potevo sopportarlo.

Per gentile concessione di Crystal Henry

Ho capito che avevo bisogno di un nuovo piano di gioco. Internet mi ha detto di assicurarmi di dare a mia figlia molto affetto fisico e di provare a sostituire il mio latte con gli abbracci, ma non ha funzionato affatto. Incredibilmente, rannicchiarla contro i miei seni senza offrirle l’accesso a loro non la rendeva così felice.Ho deciso che avrei messo sottaceto le mie tette.

Ho iniziato a pensare a come ci eravamo avvicinati al vasino. Aveva mostrato interesse nell’usare il vasino a 15 mesi, quindi ho messo un vasino là fuori e l’ho colpito forte. Di notte era totalmente vasina e sonnecchia per 18 mesi, ma durante il giorno mi ha combattuto con le unghie e con i denti. Alla fine ho rinunciato, l’ho rimessa nei pannolini e in circa un mese ha imparato a usare il vasino.

Avevo bisogno dello svezzamento per essere la sua idea. Così ho escogitato un piano per rendere il mio latte poco invitante senza farla sentire rifiutata. Ho deciso che avrei messo sottaceto le mie tette.

Per gentile concessione di Crystal Henry

Volevo provare a rendere il mio latte schifoso e l’aceto è stata la prima cosa che mi è venuta in mente. Avevo programmato di riempire un flacone spray con una miscela di aceto e acqua, ma prima ho controllato con il mio medico, che era anche un esperto di allattamento al seno.Ogni volta che chiedeva del latte, le dicevo: “Sei sicuro? Il latte della mamma è un po ‘vecchio. “

Ha detto che in generale, l’aceto di sidro di mele è totalmente innocuo e in realtà ha alcuni comprovati benefici per la salute , come le proprietà antifungine. Infatti, prescrive spesso un po ‘di aceto di mele per curare il mughetto e il reflusso acido. Le ho chiesto se pensava che questo avrebbe ferito mio figlio in qualche modo, e lei ha detto di no, perché era una piccola quantità. Era più preoccupata che lo svezzamento di mia figlia con il tacchino freddo mi avrebbe portato a sviluppare la mastite e che mia figlia potesse sentirsi emotivamente abbandonata a seguito dello svezzamento. Il suo consiglio era di avvisare la mia ragazza che potremmo essere vicini alla fine.

Ho preparato il palco poche settimane prima del mio vile piano dicendo a mia figlia che stava diventando grande, ed ero così orgoglioso di lei per essere andata al vasino, lavarsi i denti e raccogliere i suoi giocattoli. L’ho inondata di elogi per tutte le cose incredibili che stava facendo da ragazzina che stava per compiere 2 anni. Ogni volta che chiedeva del latte, le dicevo: “Sei sicura? Il latte della mamma è un po ‘vecchio. ” E ogni volta mi guardava come se dicesse: “Ok, signora, ho capito. Ora tira fuori quella tetta. “

Per gentile concessione di Crystal Henry

Ho scelto un giorno per iniziare il processo di svezzamento con l’aceto. Una settimana prima del D-Day (Ditch the Boobie Day), l’ho portata a Target per scegliere la sua tazza sippy preferita. Ha scelto una confezione da due di tazze Buzz Lightyear e ho iniziato a mantenerle rifornite di latte di mandorle alla vaniglia per addolcire la transizione.

Ho tenuto il passo con la trama che il mio latte stava invecchiando, ma lei ha continuato ad allattare senza rallentare. Poi è arrivato il momento di eseguire il Piano. Al momento del pisolino del D-Day, ho riempito una piccola bottiglia spray con un cucchiaino di aceto di sidro di mele. Il resto era solo acqua.Si attaccò, ma immediatamente si ritrasse disgustata. “Yucky mama,” ha detto.

Mentre eravamo sdraiati nel suo letto pronti a rannicchiarci per un pisolino, ha chiesto il suo “nuk”. Le ho sorriso e le ho detto: “OK, tesoro, fammi prendere il tuo nuk”. Mi girai e, dandole le spalle, tirai fuori il seno e diedi un rapido spritz al capezzolo con l’acqua di aceto. Mi sono girato e gliel’ho offerto.

Si attaccò, ma immediatamente si ritrasse disgustata. “Yucky mama,” ha detto.

Finsi di essere perplesso e chiesi cosa c’era che non andava. Ha appena schioccato le labbra e ha guardato il mio seno con un’espressione perplessa.

“Oh, è schifo? Forse sta invecchiando? ” Dissi innocentemente. Le ho chiesto se voleva invece il latte Buzz e le ho offerto una tazza sippy. Esitò, ma rifiutò la tazza e si attaccò di nuovo. Dopo pochi secondi, il sapore dell’aceto era sparito e si allattò per dormire.

Non mi aspettavo che funzionasse la prima volta, quindi ho mantenuto il piano quella sera prima di andare a dormire. Ancora una volta, si è accoccolata vicino a me e ha stretto i suoi piccoli pugni paffuti chiedendo “nuk”, e ancora una volta gliel’ho dato dopo aver spruzzato il mio morso. Lo assaggiò, aggrottò il viso e disse: “Che schifo”.

Di nuovo, ho detto: “Oh, forse il latte di mamma sta invecchiando? Vuoi il latte Buzz? ” E ancora una volta, spinse via Buzz e si attaccò. A questo punto, stavo iniziando a perdere la speranza per questo piano, quindi mi sono rassegnato all’idea che mia figlia facesse delle pause per il latte al college.

Per gentile concessione di Crystal Henry

Ma il giorno dopo, all’ora del pisolino, abbiamo avuto una svolta. Ha chiesto del latte. Ho spruzzato segretamente. Ha assaggiato con cautela il seno prima di tentare di agganciarsi, poi mi ha guardato e ha detto “Sei vecchia, mamma?”

Sembravo preoccupato e un po ‘triste quando le dissi: “Sì, piccola, la nuk di mamma potrebbe invecchiare. Vuoi il latte Buzz e le coccole? “

Ha guardato un’ultima volta il mio seno e ha afferrato la tazza. Le ho lasciato coccolare il mio seno nudo mentre succhiava il latte di mandorle, chiedendomi se questa fosse davvero la fine o solo un colpo di fortuna.Mi piaceva riavere il mio corpo, ma c’era questa strana, triste fossa nello stomaco che non riuscivo a capire. 

Ma era così. Quella sera prima di andare a letto, ha chiesto il latte per abitudine, ma ha rapidamente annullato la sua richiesta e ha chiesto “Tu nuk vecchia mamma?” Le ho detto che la pensavo così, ma le ho chiesto se voleva delle coccole e del latte Buzz. Mi ha preso in considerazione, e abbiamo avuto circa altre tre sessioni di lei che strofinava il mio seno nudo con una tazza di latte di mandorle prima che diventasse normale per lei chiedere solo latte Buzz. Il cavo era stato tagliato e non aveva più bisogno del mio corpo per nutrirsi.

I giorni successivi alla sua ultima poppata furono montagne russe. Mi piaceva riavere il mio corpo, ma c’era questa strana, triste fossa nello stomaco che non riuscivo a capire. In seguito ho appreso che c’è un calo dell’ossitocina che di solito accompagna il processo di svezzamento, con alcune donne che soffrono di depressione conclamata causata dal turno. Ho vacillato tra celebrare la mia vittoria nello svezzamento e sciogliermi completamente in una pozza di lacrime per alcune settimane dopo l’ultima sessione di allattamento.

C’era un lato positivo in quella nuvola, tuttavia: non appena ho svezzato la mia figlia maggiore, sono rimasta incinta di sua sorella. (Ho finito per non ripetere il processo di svezzamento dell’aceto e per allattarla fino a quando non aveva circa 3 anni, fresca di cazzo da dare.)

Tuttavia, sono felice di dire che l’aceto mi ha permesso di svezzare delicatamente il mio primo figlio. Se non l’avessi svezzata quando l’ho fatto, non avrei mai avuto la mia figlia più piccola, quindi le cose hanno un modo di funzionare. Ma mentre ero così grato di aver trovato un modo per terminare il nostro viaggio di allattamento senza farla sentire rifiutata, sinceramente era agrodolce quanto il latte all’aceto che avevo usato per svezzarla.

Perché i bambini dovrebbero camminare a piedi nudi?

Nomi di bambini se ti piace Liam, ma vuoi qualcosa di meno popolare