in

Come parlare con tuo figlio (quando non vuole parlare!)

Suggerimenti per mantenere aperte le linee di comunicazione

Era così facile. Tua figlia era una chiacchierona. Dal momento in cui l’hai presa a scuola fino a uh, più o meno il momento in cui l’hai letta per dormire ti ha detto cosa aveva in mente. Cosa è successo a scuola.

Chi era gentile durante la ricreazione. Chi era cattivo. Ti ha detto tutto .

Ora, da adolescente, può essere difficile ottenere più di una “bene” o “okay” da lei. Cosa dovresti fare?

La psicologa pediatrica Vanessa Jensen, PsyD, dice che la cosa più importante è non rinunciare a provare.

Chiedi in un modo diverso

“Alcuni genitori tendono a tacere e smettono di chiedere”, dice il dott. Jensen. “O se un bambino inizia a dirgli: ‘Oh, non lo so… va bene’, alcuni genitori pensano che non dovrebbero chiedere. Incoraggio i genitori a continuare a chiedere”.

Quando un bambino non è molto disponibile con i dettagli sulla sua vita, il dottor Jensen consiglia di chiedere in modi più creativi.

Non limitarti a chiedere: “Com’è andata la giornata?” Invece, chiedi qualcosa di specifico. Prova a chiedere come è andato un determinato test. O come se la cava la loro migliore amica con il suo nuovo lavoro part-time o qualche altro dettaglio che potrebbero aver menzionato di recente (anche se raramente!).

Essendo più preciso con le tue domande, il dottor Jensen dice che fa loro sapere che stai veramente prestando attenzione. E che hai davvero sentito e ti è importato.

So che non sei solo nel silenzio

La maggior parte degli adolescenti inizia a “tirarsi indietro” durante un periodo che spesso coincide con la pubertà , afferma il dott. Jensen. È anche un momento in cui le loro attività (scuole, sport organizzati o gruppi) sono trascorse più con coetanei, insegnanti e allenatori che con i genitori.

Se le cose a casa non sono comode – o se un bambino ha la percezione che i suoi genitori non siano accessibili – iniziano a fare più affidamento su altre persone, osserva.

A volte, aggiunge il dottor Jensen, i genitori semplicemente non sanno come affrontare argomenti difficili o delicati con i loro ragazzi. In questi casi, dice che a volte è utile iniziare la conversazione in macchina.
Se ci pensi, se io ti sto fissando e tu stai fissando me ― e io sono in imbarazzo ― è meno probabile che ti racconti tutta la storia. Ma, se stiamo guidando, non riesco a vedere la tua faccia. Non riesco a vedere che gli occhi di mamma o papà stanno diventando davvero grandi, e la tua faccia sta diventando rossa e ti stai arrabbiando. Quindi io, (l’adolescente), è più probabile che continui a parlare.

Realizza che essere un adolescente oggi non è lo stesso

Gli adolescenti di oggi sono molto stressati , dice il dottor Jensen, a causa del ritmo con cui tutto si muove.

Ripensa a quando eri adolescente. Non c’era Snapchat. Niente YouTube. Non avevi un cellulare. Avevi anche l’e-mail allora?

Dal momento che le cose sono così diverse oggi rispetto a 20 anni fa, ci saranno alcuni aspetti della vita degli adolescenti con cui i genitori avranno difficoltà a relazionarsi, afferma il dott. Jensen. Certo, i genitori possono entrare in empatia. Ma non sempre sapranno esattamente cosa stanno passando gli adolescenti, proprio come i tuoi genitori hanno faticato a capirti!

Continua a parlare (e ad ascoltare)

Alla fine della giornata, il dottor Jensen dice che tutto si riduce a parlare. Devi continuare a parlare, continuare ad ascoltare ed essere disponibile. Anche se tuo figlio non vuole consigli, sii lì ad ascoltare.

Non saranno sempre grandi conversazioni. Ma le chiacchiere e molti brevi momenti saranno più vantaggiosi per i tuoi ragazzi a lungo termine, osserva.

Come faccio a sapere se mio figlio ha l’autismo?

Cosa fare se il bambino cade dal letto o dal fasciatoio