in

Come faccio a sapere se mio figlio ha l’autismo?

La risposta breve di uno psicologo comportamentale

D: Come faccio a sapere se mio figlio ha l’autismo?

R: Il disturbo dello spettro autistico (ASD) è un disturbo dello sviluppo neurologico. Lo diagnostichiamo identificando i deficit in due aree principali:

  1. Socio-comunicazione, che include deficit nella comunicazione e utilizzo della comunicazione per impegnarsi socialmente.

    Ciò può comportare il non usare il contatto visivo in modo tipico o il non usare gesti (come indicare e salutare) o altre forme di comunicazione non verbale.

  2. Comportamenti restrittivi e ripetitivi. Ciò può includere eseguire azioni e movimenti ripetitivi, interessarsi solo a determinati argomenti o pronunciare determinate parole ripetutamente.

La gravità di questi sintomi può variare ampiamente. Spesso siamo in grado di rilevarli prima che il bambino compia 2 anni .

Per diagnosticare l’ASD, condurremo un’intervista completa con i genitori del bambino o altri caregiver. Quindi lavoriamo con il bambino per vedere come interagiscono con materiali specializzati.

Potremmo svolgere alcune attività di gioco strutturato e valutare come reagisce il bambino a noi e alla sua famiglia.

Se il bambino non parla ancora, usa gesti o altri metodi per comunicare i suoi desideri? È così che possiamo iniziare a distinguere tra un bambino con ritardo del linguaggio o ASD.

Vogliamo anche ottenere quante più informazioni possibili dall’insegnante e dal terapista del bambino. Tutte queste informazioni ci aiutano a ottenere un’immagine chiara del bambino e a determinare se soddisfa i criteri diagnostici per l’ASD.

Durante il processo di diagnosi, le famiglie apprendono la gravità dell’ASD e la gravità delle differenze di sviluppo. È importante tenerli separati. Potresti avere un bambino che sta superando i suoi coetanei nello sviluppo cognitivo, ma ha ancora sintomi di ASD che ostacolano la sua funzione quotidiana. Potresti anche avere un bambino il cui sviluppo cognitivo è molto indietro. In ogni caso abbiamo bisogno di utilizzare diversi interventi o livelli di intervento.

Oggi il trattamento principale per l’ASD è la terapia comportamentale intensiva. Prima possiamo intervenire, prima possiamo compensare la cascata dello sviluppo dirompente e colmare il divario nelle differenze di sviluppo.

RSV vs. influenza vs. polmonite: risolvere la febbre e la tosse di tuo figlio

Come parlare con tuo figlio (quando non vuole parlare!)