in

Quando le “guance screpolate” di tuo figlio possono effettivamente essere una comune infezione infantile

Comprendere la quinta malattia

Un’eruzione cutanea è sbocciata sul viso del tuo bambino. Certo, sei preoccupato. Ti chiedi se fa male. Si diffonderà? Cosa significa?

La quinta malattia , o eritema infettivo, è un’infezione virale che può causare un’eruzione cutanea sul viso e sul corpo. A volte viene anche chiamata “sindrome della faccia schiaffeggiata”. Può anche interessare altre parti del corpo, tra cui la parte superiore delle braccia, il busto e le gambe, apparendo come un’eruzione cutanea rossa più diffusa.

La pediatra Kimberly Churbock, MD , afferma che è comune per neonati e bambini più piccoli portare a casa questa infezione dall’asilo nido o dalla scuola materna ― e di solito non è motivo di allarme. Qui spiega cosa devi sapere sulla quinta malattia:

D: Come posso sapere se mio figlio potrebbe avere la malattia di Quinta?

A: Tieni d’occhio dolori lievi, affaticamento, sintomi simili al raffreddore e talvolta febbre di basso grado, che scompaiono giorni prima che compaia l’eruzione cutanea. L’eruzione cutanea può prudere, ma la maggior parte dei bambini con la quinta malattia non è così a disagio come i loro genitori possono presumere dall’aspetto!

I genitori spesso scambiano la quinta malattia per le guance screpolate o un altro comune colpevole virale/batterico nelle eruzioni cutanee: morbillo , scarlattina , rosolia , malattia di Duke (ora considerata la stessa cosa della scarlattina) o roseola . (Fatto divertente: la quinta malattia è stata così chiamata perché è stata la quinta di queste sei infezioni che producono eruzioni cutanee da identificare.)

Anche le eruzioni cutanee legate all’eczema , all’edera velenosa e all’afta epizootica possono essere confuse con la quinta malattia.

Il pediatra di tuo figlio di solito può diagnosticare la quinta malattia semplicemente osservando l’eruzione cutanea.

D: In che modo i bambini contraggono la malattia di Quinta?

R: Un virus chiamato parvovirus B19 causa la quinta malattia. Si diffonde attraverso la saliva e il muco quando i piccoli tossiscono, starnutiscono, condividono bicchieri, mettono giocattoli in bocca o si toccano le mani e il viso.

D: Quando mio figlio è contagioso?

A: Una volta che l’eruzione cutanea appare, in genere non è più contagiosa. (Naturalmente, questo rende ancora più difficile gestire la diffusione della malattia di Quinta in una scuola o in un altro ambiente di gruppo.)

Nei bambini con un sistema immunitario sano, il virus di solito scompare da solo entro due settimane.

D: Come lenisci quelle guance?

A: Prova a usare un antistaminico orale o topico per alleviare il prurito e impedire che l’eruzione cutanea diventi più arrabbiata a causa dei graffi di tuo figlio. Se ha febbre o dolore, incluso mal di testa, paracetamolo o ibuprofene, lo aiuterà a sentirsi meglio.

D: C’è un modo per proteggere mio figlio dalla malattia di Quinta?

R: A differenza del morbillo e della rosolia, non esiste ancora la vaccinazione per la quinta malattia. Tenere tuo figlio a casa durante un’epidemia nota all’asilo o a scuola potrebbe impedire a tuo figlio di contrarlo, ma altrimenti è difficile prevenirlo. Molti bambini sono esposti alla Quinta malattia e ad altre infezioni e sviluppano l’immunità senza mai avere sintomi della malattia stessa.

D: Chi dovrebbe prestare particolare attenzione a qualcuno con la quinta malattia?

R: Sebbene la maggior parte delle persone avverta solo sintomi lievi, i bambini o gli adulti con sistema immunitario compromesso o disturbi del sangue, o le donne in gravidanza, dovrebbero prestare particolare attenzione per evitare di stare con qualcuno con la quinta malattia. E dovrebbero vedere il loro medico se credono di essere stati esposti.

I bambini più grandi e gli adulti con la quinta malattia possono sperimentare più rigidità articolare rispetto ai bambini più piccoli, ma questo scompare in poche settimane.

Genitori: non puoi iniziare a lavare i denti di tuo figlio non appena dovresti e sì, è un grosso problema!

Nato per correre: quanto è giovane per correre una gara?