in

Cosa fare quando tuo figlio vuole smettere di fare sport

Comprendere il “perché” può aiutare a guidare la decisione

È una frase che si sente ripetutamente in ogni sport, ogni stagione, ogni anno. “Smetto!” Quindi cosa deve fare un genitore quando queste parole risuonano sul campo di gioco?

La decisione di tuo figlio potrebbe essere vitale quanto la chiamata di un arbitro in una partita ravvicinata.

La determinazione potrebbe fare la differenza nella sua vita.

Secondo la National Alliance for Youth Sports, più di 20 milioni di bambini si registrano ogni anno per gli sport giovanili. Il settanta percento di questi bambini smette quando compiono 13 anni e non giocano mai più.

Perché i bambini smettono di fare sport?

I tre principali motivi per cui i bambini smettono? Aspettative irrealistiche da parte di allenatori e genitori, non è più divertente giocare e la convinzione del bambino di non essere all’altezza degli altri atleti.

Questo desiderio di smettere, tuttavia, lascia spesso i genitori a chiedersi se il loro bambino diventerà uno che smetterà e si arrenderà sempre quando il gioco si fa duro. “Fortunatamente, ci sono poche prove a sostegno di queste paure”, afferma lo psichiatra pediatrico Joseph Austerman, DO .

Altri motivi per cui i ragazzi vogliono smettere, dice, includono l’imbarazzo dei coetanei, interessi in competizione e pressioni esterne per il tempo. A volte, il bambino semplicemente non ha la capacità di attenzione necessaria per praticare lo sport. Questo è particolarmente vero per i bambini più piccoli.

La decisione di smettere è meno significativa quando un bambino è più piccolo. Quando un bambino cresce, colpisce sia i giocatori che i genitori. A 4 anni, probabilmente va bene se tuo figlio vuole smettere di T-ball. Ma se hai un coach potato di 12 anni , lo sport può essere un ottimo modo per farlo crescere, attivo e interagire con altri bambini della loro età.

E la ricerca mostra che i bambini che praticano sport tendono a rimanere a scuola, ottenere voti migliori e mostrare comportamenti migliori. Con questo in mente, nessun genitore vuole lasciare che il proprio figlio smetta così facilmente.

Come parlare a tuo figlio di smettere (o no)

Il modo migliore per evitare il desiderio di smettere è preparare i bambini prima di iniziare uno sport. “Considera con tuo figlio cosa gli piace fare naturalmente e quali punti di forza fisici hanno”, dice il dott. Austerman. “Parla dell’impegno in termini di tempo e fai sapere loro le tue aspettative sul seguito.”

Ma se sei già in una situazione in cui tuo figlio vuole smettere, il tuo primo compito è indagare su cosa c’è dietro questa motivazione a smettere.
Chiedi a tuo figlio cosa è cambiato della sua eccitazione per un determinato sport. Informati su cosa impedisce loro di voler giocare.
Una volta che hai un’idea generale del motivo per cui vuoi smettere, il passo successivo è coinvolgere tuo figlio su come gestire al meglio il suo impegno nello sport. Fallo partecipare al processo di risoluzione dei problemi. Chiedi a tuo figlio di identificare il problema e di dire cosa potrebbe fare per migliorare l’esperienza.

Una cosa più seria a cui prestare attenzione è quando tuo figlio viene molestato o umiliato da altri, dice il dottor Austerman. “Troppo spesso questo può essere il fattore scatenante per un bambino che passa dall’amare uno sport al voler smettere”.

Parla anche con l’allenatore di tuo figlio

È anche importante che i genitori e gli allenatori comunichino e lavorino insieme per risolvere il problema. Se il problema sono le molestie da parte di altri ragazzi, l’allenatore può fare una grande differenza nell’assicurarsi che tutto questo si fermi. Se il problema è legato alle abilità, i genitori e gli allenatori possono spesso lavorare con il bambino per migliorare le sue abilità di gioco.

Il preparatore atletico certificato Bob Collins, ATC, afferma che è fondamentale che sia i genitori che i bambini siano realistici riguardo al loro livello di abilità in uno sport.

“I genitori e gli studenti atleti devono essere in grado di accettare la verità sulle capacità atletiche di un bambino e ricordare che praticare questo sport è qualcosa di più che essere i migliori”, afferma Collins. “Si tratta di lavorare insieme come una squadra e di partecipare al meglio delle proprie capacità.”

La partecipazione allo sport può essere un’esperienza molto positiva, aggiunge il dott. Austerman. Tuttavia, è una parte naturale del processo di apprendimento che i bambini sperimentino provando diverse attività.

“Capire le motivazioni di tuo figlio ti aiuterà a prendere la decisione giusta insieme”, dice. “E ricorda che abbandonare un’attività specifica non dovrebbe essere equiparato a un fallimento”.

Cosa fare se il bambino cade dal letto o dal fasciatoio

Non lasciare che i tuoi bambini si feriscano mentre metti via le tue decorazioni natalizie