in

Tuo figlio è solo timido o è mutismo selettivo?

Parla con il tuo pediatra; il trattamento precoce è la chiave

Un insegnante ha segnalato che tuo figlio non parla regolarmente o prontamente a scuola? Il tuo bambino, solitamente loquace e frizzante, si chiude improvvisamente quando arrivate insieme a una riunione di famiglia più grande o quando li lasci a lezione di ballo?

Se tuo figlio è una persona completamente diversa a casa rispetto ad altri contesti sociali, potrebbe avere un mutismo selettivo. Il mutismo selettivo è spesso frainteso e può essere mal diagnosticato, ma la diagnosi e il trattamento precoci sono fondamentali per ottenere risultati migliori lungo la strada.

La psicologa infantile  Kristen Eastman, PsyD , afferma che in passato, i bambini che si pensava fossero “solo timidi” o “provocatori” per non parlare, potevano effettivamente soddisfare i criteri per il mutismo selettivo.

E se tuo figlio non fosse solo timido?

Si è sempre creduto che il mutismo selettivo fosse raro, tuttavia più bambini possono soddisfare i criteri di una diagnosi di quanto si pensasse in precedenza, specialmente durante la pandemia di COVID-19 .

“Molti sembravano pensare che un bambino sarebbe cresciuto fuori dal comportamento, il che non è sempre il caso”, afferma il dott. Eastman.

“Ciò che può sembrare timidezza in realtà ha le sue radici nell’ansia, in particolare nella paura di fondo dell’aspettativa di parlare”, dice.

“I bambini timidi potrebbero non offrirsi volontari per leggere ad alta voce in classe, ma quando hanno  bisogno di fare delle cose, possono farlo”, afferma il dott. Eastman. “La differenza principale è che i bambini timidi possono ancora svolgere le attività quotidiane, mentre i bambini con mutismo selettivo non possono”.

Che aspetto ha il mutismo selettivo?

Un bambino con mutismo selettivo potrebbe non comunicare in ambienti sociali selezionati (spesso la scuola), ma può parlare comodamente in almeno un altro luogo (in genere a casa).

Sia le ragazze che i ragazzi possono essere colpiti, sebbene la condizione tenda a colpire le ragazze più dei ragazzi. L’età media di esordio è inferiore ai 5 anni, ma è spesso più evidente quando un bambino entra in un ambiente sociale strutturato (come la scuola materna o l’asilo nido).

I bambini con mutismo selettivo sono sopraffatti dall’ansia alla prospettiva di fare una relazione su un libro, salutare un compagno di classe o parlare con il loro allenatore durante gli allenamenti di calcio. Quindi vengono resi congelati e incapaci di iniziare e/o rispondere. Per questo motivo, la loro esperienza a scuola e in altri contesti sociali potrebbe essere ostacolata, gli insegnanti potrebbero non essere in grado di valutarli e potrebbero avere difficoltà sociali.

Il mutismo selettivo può avere un aspetto diverso a seconda del bambino:

  • Alcuni bambini possono parlare solo con i loro familiari stretti e con nessun altro al di fuori della casa, nemmeno con la famiglia allargata.
  • Altri possono parlare con i parenti che vedono più regolarmente e non con quelli che non conoscono.
  • Alcuni possono parlare con altri bambini ma non con gli adulti fuori casa.
  • Altri possono parlare con il loro insegnante quando è faccia a faccia, ma si bloccano nell’impostazione del gruppo più ampio quando gli altri sono a portata d’orecchio.

È importante capire che c’è molta variabilità nel modo in cui appare: da un giorno all’altro, da persona a persona e da ambiente a ambiente. Questi sono tutti esempi di mutismo selettivo.

Fai attenzione a questi segni di mutismo selettivo:

  • Modo congelato o non responsivo.
  • Postura del corpo rigida, “rigida come una tavola”.
  • Faccina inespressiva, piatta o “da cervo nei fari”.
  • Lento a rispondere in una situazione sociale.
  • Attaccamento con i genitori quando si entra in contesti sociali.

La diagnosi precoce è importante

È importante che i genitori si fidino del loro istinto. Se ritieni che tuo figlio si comporti in modo molto diverso in determinati contesti sociali fuori casa e/o con persone selezionate, è importante parlare con il  medico .

“Prima puoi fare una diagnosi e iniziare a intervenire, migliore è la prognosi a lungo termine”, afferma il dott. Eastman.

Consigli utili per te e il tuo bambino con mutismo selettivo

La dottoressa Eastman afferma che quando lavora con bambini con mutismo selettivo, il suo obiettivo è “aiutare il bambino ad iniziare ad associare ambienti sociali con meno ansia e maggiore comfort il prima possibile”.

Suggerisce le seguenti strategie iniziali:

  1. Elimina le richieste verbali in situazioni sociali quando possibile . Se abbassi le richieste e le aspettative verbali, tuo figlio imparerà gradualmente ad associare le situazioni sociali con il comfort e i sentimenti positivi piuttosto che con l’ansia. Ciò significa che non iniziare a parlare oa fare domande al bambino non appena entra nella festa di compleanno. Questo significa anche non parlare del fatto che il bambino non parla tutto il tempo: lo stai solo mettendo in imbarazzo e peggiorando la situazione.
  2. Concentrati sul comfort dell’edificio. Comprendi che tuo figlio non entrerà in situazioni sociali con la stessa entusiasmo degli altri bambini. Concedere più tempo per rilassarsi in una situazione, sia che si arrivi presto sia che si conceda del tempo per la pratica prima di entrare nel gruppo più grande, è un must. Rispetta il tempo di riscaldamento più lungo e pensa a come far sentire il tuo bambino più a suo agio. Usa l’umorismo quando possibile, aiutali a iniziare l’attività e fornisci incoraggiamento positivo.
  3. Focus sulla comunicazione non verbale . Invece di porre domande che richiedono una risposta verbale, fai invece a tuo figlio una domanda che consente un cenno del capo, pollice in su o pollice in giù. Parla con insegnanti, allenatori e altri per incoraggiarli a porre domande a cui tuo figlio può rispondere allo stesso modo.
  4. Lavora per gradi . Metti tuo figlio in situazioni in cui si sente a suo agio e parla liberamente, quindi introduci gradualmente una nuova persona, espandi in un nuovo ambiente o aggiungi una nuova richiesta. Non spingere tuo figlio a fare tutto in una volta.
  5. Inizia lentamente e continua a fissare obiettivi realistici. Finché inizi lentamente e inizialmente ti concentri sul comfort di tuo figlio, va bene spingerlo delicatamente in modo che possa progredire. Fissare obiettivi “appena fuori portata” è vantaggioso e, se fatto al momento opportuno, produrrà cambiamenti.

Non evitare di porre richieste al bambino o evitare situazioni sociali a causa del mutismo selettivo di tuo figlio. È importante rendersi conto che un bambino con mutismo selettivo non migliorerà mentre è seduto a casa con la sua famiglia immediata, poiché sono già a loro agio e parlano qui.

“Anche se affrontare il problema può sembrare stressante all’inizio, l’ansia di tuo figlio si ridurrà con il tempo e vedrai progressi”, afferma il dott. Eastman.

Parla con il tuo medico che può aiutarti a creare un piano d’azione. Il mutismo selettivo in genere non va via da solo e in effetti può portare a un peggioramento dell’ansia e delle difficoltà sociali se non affrontato. Il trattamento richiede un piano coeso tra casa e scuola per produrre un cambiamento duraturo.

Come concentrarsi sulla salute di tuo figlio, non sul peso

Questo virus imita un raffreddore, ma può essere molto più pericoloso