in ,

Tuo figlio è fuori programma? I bambini hanno bisogno di “tempo morto”

Non lasciare che il calendario gestisca la vita della tua famiglia

Quando iscrivi tuo figlio a scout, travel soccer, atletica e/o club di scacchi, le tue intenzioni sono buone.

Vuoi che tuo figlio impari come affinare le abilità. Oppure vedi una borsa di studio sportiva nel suo futuro. Oppure speri di rendere un po’ più facile per un bambino timido fare amicizia.

Forse è tutto quanto sopra. Ma mentre arricchire la vita di tuo figlio è una buona cosa, le attività fuori programma possono mettere a dura prova tuo figlio e la famiglia.

“I bambini il cui tempo è eccessivamente organizzato non hanno tempo per essere bambini e la loro famiglia non ha tempo per essere una famiglia”, afferma il pediatra Deb Lonzer, MD.

“Di solito non mangiano bene, dormono bene o non fanno amicizia come si deve”.

Questo può preparare i bambini a depressione e ansia future e ostacolare la loro capacità di risolvere i problemi e prendere buone decisioni.

Sii ragionevole e realistico

Il calendario potrebbe gestire la vita della tua famiglia? Ecco un modo per verificare: pensa all’ultima volta che ti sei semplicemente divertito con i tuoi figli. Se sono trascorse settimane o mesi, potrebbe essere necessario modificare il loro programma.

Il dottor Lonzer crede che i bambini non dovrebbero avere un’attività programmata ogni giorno. Invece, suggerisce ai genitori di sedersi con ogni bambino per aiutarli a scegliere le tre attività principali.

Quindi attenersi al piano. Se tuo figlio vuole aggiungere un’attività, assicurati che ne lasci cadere una.

“Quando aiuti tuo figlio a scegliere le attività, valuta i benefici sia per il bambino che per la famiglia rispetto al tempo che tutti dovranno investire”, afferma il dott. Lonzer.

Ad esempio, considera come guidare su lunghe distanze in modo che un bambino possa partecipare a uno sport d’élite avrà un impatto sugli altri tuoi figli. Pesare i pro e i contro.

La bellezza dei tempi morti

Limitare le attività organizzate cancella il calendario per l’importantissimo “tempo morto” di cui i bambini hanno bisogno per il gioco, il relax e la famiglia.

Scansiona il tuo calendario per i tempi di inattività disponibili o considera di scrivere “tempo di sonno, tempo di riposo, tempo dei pasti e tempo della famiglia”, afferma il dott. Lonzer.

“L’equilibrio tra attività divertenti e organizzate con molto tempo libero aiuterà i bambini a capire che tutte queste cose sono importanti.”

Un avvertimento: il tempo di inattività non dovrebbe essere “tempo sullo schermo “. L’eccessiva programmazione è meglio che lasciare che i bambini parcheggino sul divano con un telefono, un tablet o una TV, dice.

“Durante i tempi di inattività, tutta l’elettronica dovrebbe essere spenta”, sottolinea il dott. Lonzer.

Tempo di gioco: lascia che i bambini prendano l’iniziativa

Il dottor Lonzer crede che i bambini non giochino abbastanza. “Di tanto in tanto, dai loro la scatola di cartone invece del giocattolo”, suggerisce.

“In inverno, compra una tuta da neve, mandali in giardino e dì: ‘Torna tra un’ora e ti preparo la cioccolata.’ Aiutali a sviluppare la creatività e l’immaginazione”.

Se hanno amici per un appuntamento di gioco, non organizzare il loro divertimento. Lascia che i bambini lo capiscano da soli. Se si lamentano di essere annoiati, dagli spazio per trovare una soluzione.

E non preoccuparti se sorprendi tuo figlio a sognare ad occhi aperti, dice il dottor Lonzer. “Può sembrare che i bambini stiano perdendo tempo, ma stanno costruendo il loro cervello. Vai via, felice”.

Cosa succede se i bambini non sono “familiari”?

I genitori tendono a preoccuparsi quando un bambino non è interessato a partecipare alle attività organizzate. Ma alcuni bambini preferiscono davvero stare da soli, disegnare o giocare con i Lego®.

“Ognuno deve trovare la propria strada”, dice. “Non aiuta i genitori a proiettare le proprie emozioni su un bambino. Tuo figlio potrebbe vivere le cose in modo diverso”.

Forzare un bambino riluttante ad attività di gruppo si ritorcerà contro; invece, sostenere le loro attività individuali.

Programmazione del tempo in famiglia

“Chiediamo ai genitori di programmare 20 minuti, cinque volte a settimana, come tempo per la famiglia – per giocare a giochi da tavolo, tirare a canestro, qualunque cosa”, afferma il dott. Lonzer.

“Questa pratica si è dimostrata efficace nello sviluppo dell’immaginazione e nell’aumento del legame familiare, che riduce i comportamenti a rischio e persino i problemi di peso quando i bambini invecchiano”.

Porta i tuoi bambini a fare una passeggiata, lasciando gli auricolari e i cellulari a casa, e goditi semplicemente l’esperienza.

“Chiedi a tuo figlio: ‘Che aspetto ha quell’albero, per te?’ o ‘Hai mai visto quel tipo di uccello prima?’” suggerisce.

“Non parlare di quello che devono fare per la scuola o pensare a cosa dovrai affrontare domani al lavoro. Non tutto è un viaggio verso una destinazione.”

Aiuta tuo figlio a capire che vivere di più nel momento è una buona cosa. “Dì loro: ‘Non preoccupiamoci di cosa accadrà dopo, preoccupiamoci di cosa accadrà adesso.'”

In una nota finale, consiglia di modellare un buon equilibrio tra lavoro e vita privata. “Lascia che i tuoi figli ti vedano camminare su te stesso, non procrastinare o stipare, ma stanziare bene il tuo tempo”, consiglia il dott. Lonzer.

Perché i medici evitano i test per lo streptococco per i bambini di età inferiore ai 3 anni?

Incoraggiare i bambini dell’era digitale ad amare la vita all’aria aperta