in

Reazioni comuni alla disabilità di apprendimento di un bambino

Scoprire che tuo figlio ha una difficoltà di apprendimento può essere uno dei fattori di stress più significativi della vita per i genitori . Ma non devi cadere a pezzi dopo aver appreso una diagnosi . Con un po ‘di comprensione e pazienza, puoi imparare a farcela e ad adottare misure per consentire a tuo figlio di superare la disabilità dell’apprendimento .
Prima di poter andare avanti, però, devi riconoscere la vasta gamma di emozioni che potresti provare, incluso tutto, dal sollievo alla disperazione e tutto il resto. 1  Inoltre, non è raro che i genitori passino da un’emozione all’altra, a seconda della gravità della disabilità, delle loro capacità di coping e del loro sistema di supporto.
Anche se hai sempre sospettato la disabilità, è normale essere ancora scioccati dalla notizia. Stai facendo i conti con il significato di questo problema e stai affrontando ciò che significa per il futuro. 2 Di seguito sono riportate le reazioni comuni alla scoperta che tuo figlio ha un disturbo dell’apprendimento. Potresti sperimentare solo una reazione alla notizia o potresti sperimentarle tutte. Sii paziente e concediti il ​​tempo necessario per elaborare ciò che ti è stato detto. Impara a elaborare ogni emozione fino a raggiungere l’accettazione.

1. Rifiuto

Negare significa rifiutarsi di riconoscere che tuo figlio ha una disabilità. I genitori si scusano per le battute d’arresto scolastiche dei loro figli perché non vogliono accettare una disabilità. Possono invece incolpare le difficoltà del loro bambino sugli insegnanti o su un coniuge. Oppure possono accusare il bambino di essere pigro e rifiutarsi di consentire che vengano forniti servizi di educazione speciale. Perché si verifica la negazione? È profondamente spaventoso per alcuni genitori riconoscere una disabilità. La negazione di solito deriva da una paura radicata che il loro bambino lotterà nella vita o sarà rifiutato dagli altri, che sono spesso il peggior incubo di un genitore. Se trovi difficile accettare la diagnosi di tuo figlio, potrebbe essere utile chiederti perché ti senti in quel modo. La situazione è semplicemente troppo difficile da accettare? Una seconda opinione sarebbe d’aiuto? La chiave è scoprire perché stai lottando per accettare questa notizia e lavorare sui tuoi sentimenti. Alla fine, però, potresti dover accettare che tuo figlio stia lottando per un motivo. Entrambi trarrete vantaggio dall’accettazione della realtà della situazione e dallo sviluppo di un piano per affrontare i problemi.

2. Rabbia

La rabbia è un cugino stretto della negazione perché si basa anche sulla paura. I genitori che sono arrabbiati per la disabilità del loro bambino potrebbero voler puntare il dito contro gli altri. Ad esempio, la tua rabbia può manifestarsi sotto forma di critica o convinzione che il sistema scolastico non possa servire adeguatamente tuo figlio. Può anche creare riunioni tese e difficili del Piano educativo individualizzato (PEI). Va bene essere arrabbiati per la diagnosi di tuo figlio. Dopotutto, le sfide che deve affrontare tuo figlio sono estremamente ingiuste. Ma non puoi permettere che la tua rabbia attecchisca. Sebbene la rabbia possa essere utile per consentirti di riconoscere l’ingiustizia della situazione di tuo figlio, non dovrebbe mai essere diretta ad altre persone, incluso te stesso. Invece, prendi l’energia che porta la tua rabbia e lascia che sia motivata a diventare un sostenitore di tuo figlio. Lascia che alimenti i tuoi sforzi per trovare soluzioni. La rabbia può essere utile se canalizzata correttamente. Non lasciare che la tua rabbia ti controlli o ferisca altre persone.

3. Paura

Quando i genitori scoprono per la prima volta della disabilità di apprendimento del loro bambino, spesso temono l’ignoto. Ad esempio, potresti chiederti come riuscirete a superare questa situazione tu e tuo figlio; o potresti chiederti del futuro di tuo figlio. Potresti persino temere che questo disturbo dell’apprendimento sia insormontabile. E potresti soffermarti sull’idea che tuo figlio potrebbe sempre aver bisogno del tuo sostegno e preoccuparti di cosa succederà quando te ne sarai andato. Forse hai paura di come questa disabilità influenzerà gli altri tuoi figli. Potresti persino temere la reazione della società e preoccuparti del rifiuto. A volte queste paure sono così travolgenti che sei congelato e completamente immobilizzato. Ma non puoi permettere che ciò accada. Se ti senti sopraffatto dalla paura, potrebbe essere utile annotare tutto ciò di cui hai paura. Quindi, prova a pensare individualmente a ciascuna paura. È razionale? C’è un modo per affrontarlo? A volte riconoscere le tue paure dà loro meno potere su di te, specialmente se sei in grado di elaborare un piano per affrontarle. Inoltre, parla con altri genitori in situazioni simili. Potrebbero essere in grado di offrire suggerimenti o suggerimenti su come hanno affrontato gli stessi problemi con cui stai lottando. Non cercare di affrontarlo da solo e non lasciare che le tue paure ti travolgano.

4. Dolore

Il dolore è un potente senso di perdita che molti genitori provano quando apprendono che il loro bambino ha una disabilità. Dopotutto, stanno rinunciando ad alcuni dei sogni che avevano per il loro bambino e questo è straziante. Tutto sembra in qualche modo diverso e può essere difficile da accettare. Non picchiarti per esserti sentito triste per la perdita della “normalità”. Il dolore è una reazione normale alla notizia che tuo figlio ha un disturbo dell’apprendimento. Ma non puoi lasciare che il dolore prenda piede nella tua vita. Sebbene sia normale sentirsi tristi, evita di indugiare nella tristezza. Può trasformarsi rapidamente in un pensiero da vittima e l’ultima cosa che vuoi fare è fare una festa di pietà per te o per tuo figlio. Sì, è triste che tuo figlio debba affrontare questo problema, ma invece di dispiacersi per lui, prova a provare empatia e incoraggiamento. Concentrati sulla comprensione e sul supporto. In tal modo, darai a tuo figlio la possibilità di accettare le sfide che ci attendono.

5. Colpa

Quasi ogni genitore prima o poi si sente in colpa per la disabilità del proprio figlio. Si chiedono se hanno fatto qualcosa per causare il problema o se è accaduto un incidente di cui non erano a conoscenza. In effetti, mettono in discussione ogni urto e livido che il loro bambino ha ricevuto fino alla diagnosi e possono persino setacciare i ricordi della loro gravidanza alla ricerca di qualche spiegazione o segno che hanno fatto qualcosa di sbagliato. Vogliono una ragione per cui questo sta accadendo e spesso si danno la colpa a se stessi. Ma i sensi di colpa, sebbene abbastanza comuni, non sono mai utili o benefici. Se ti accorgi di incolpare te stesso o di sentirti in colpa per la diagnosi di tuo figlio, devi riconoscere che questo tipo di pensiero non è efficace. Non hai fatto nulla per causare problemi di apprendimento a tuo figlio. Inoltre, non dovresti incolpare te stesso per “non aver visto il problema prima”. Invece, impara il più possibile sulle capacità di apprendimento e di pensiero di tuo figlio. Comprendere tutto ciò che puoi sulla disabilità di apprendimento di tuo figlio aumenterà la tua fiducia e ti preparerà a diventare un difensore di tuo figlio. Presto ti renderai conto che con il giusto supporto, tuo figlio può avere successo e essere felice.

6. Confusione

L’apprendimento della disabilità di un bambino può sembrare un sovraccarico di informazioni. Potresti sentire nuove parole che non hai mai sentito prima e termini che descrivono qualcosa che non hai ancora capito. Da un lato, vuoi saperne di più, ma dall’altro non sai da dove cominciare. Ci sono così tante nuove informazioni che ti vengono lanciate che non è raro sentirti stordito da tutto ciò. Sentirsi confusi è una reazione comune alle notizie sul disturbo dell’apprendimento di tuo figlio. Ma non lasciare che ti deragli o ti impedisca di recitare. Fai domande finché non capisci cosa state affrontando tu e tuo figlio. Trova risorse nella tua comunità e online che ti aiutino a dare un senso alla disabilità di apprendimento di tuo figlio. Alla fine, ti sentirai un esperto, il che può essere molto potente mentre navighi nel sistema.

7. Impotenza

I genitori hanno spesso un innato desiderio di aiutare i propri figli o di risolvere situazioni difficili. Vogliono sentirsi competenti e in controllo. Ma, con una difficoltà di apprendimento, si sentono tutt’altro. Si rendono presto conto che non possono cambiare la situazione o farla sparire. Inoltre, è estremamente difficile fare affidamento sull’esperienza e le opinioni degli altri, soprattutto se le persone che trasmettono le notizie sono estranei. Tutti questi fattori forniscono la ricetta perfetta per sentimenti di totale e totale impotenza. Il modo migliore per ritrovare un senso di competenza è riconoscere dove sei debole e lavorare per affrontare quelle aree. In altre parole, cosa allevierà i tuoi sentimenti di impotenza? È l’accettazione di cose al di fuori del tuo controllo? Raccogliere più informazioni? Ricevi supporto dalla tua comunità? Preghiera o meditazione? Solo tu saprai come affrontare i tuoi sentimenti di impotenza. Ma questa sensazione non è qualcosa che dovresti ignorare. Trova il modo di affrontare il fatto che, sebbene un disturbo dell’apprendimento non sia qualcosa che puoi controllare, è qualcosa che puoi affrontare e da cui trarre il meglio.

8. Sollievo

Il sollievo può essere l’ultima cosa che ti aspetteresti di provare dopo aver appreso della disabilità di un bambino, ma il sollievo accade, spesso perché una diagnosi formale fornisce una spiegazione per le difficoltà di tuo figlio. Alcuni genitori sono sollevati perché una diagnosi qualifica il loro bambino per alloggi educativi speciali e istruzione speciale nell’ambito di un piano educativo individualizzato. Infine, si sentono come se avessero delle risposte. Se ti senti sollevato di avere finalmente una spiegazione per le difficoltà di tuo figlio, non sentirti male. Alcuni genitori si sentono in colpa per questo sollievo e si chiedono perché non siano più turbati. Molto probabilmente, se ti senti sollevato dopo la diagnosi, è perché hai già percepito che c’era un problema e questa notizia non ti sorprende né ti prende alla sprovvista. Allo stesso modo, però, non significa che non dovrai lottare anche con altre emozioni. Dopotutto, potresti aver avuto un piccolo barlume di speranza di esserti sbagliato. Ma la buona notizia è che ora hai finalmente una risposta e presto avrai un piano in atto non solo per soddisfare le esigenze di tuo figlio, ma anche per indirizzarlo verso il successo.

Una parola da Verywell

Sebbene sia importante riconoscere come ti senti, è importante sia per te che per tuo figlio che tu venga a patti con la disabilità dell’apprendimento. Dopotutto, ognuna di queste emozioni può immobilizzarti se lo permetti. Per questo motivo, devi imparare a prendere questa situazione un giorno alla volta. Lascia andare il “cosa succede se” e il “cosa allora” e concentrati su ciò che sta accadendo oggi. Quando lo farai, sarai in grado di trovare pace, gioia e speranza affrontando ogni giorno insieme.

Ciò che i terapeuti desiderano che tutti i genitori sapessero

12 domande da porre sul viaggio in scuolabus di tuo figlio