in

Quando i tuoi figli dovrebbero avere la loro vista controllata?

Lo screening della vista di routine è importante perché molte anomalie sono curabili se scoperte precocemente ma, se non trattate, possono portare alla perdita della vista e alla cecità. Tra i problemi di vista che il tuo pediatra valuterà tuo figlio includono:

  • Strabismo: un disallineamento dei due occhi, che colpisce circa il 4% dei bambini. Lo strabismo è solitamente descritto dalla direzione del disallineamento, che può essere verso l’esterno (esotropia), verso l’interno (esotropia), verso l’alto (ipertropia) o verso il basso (ipotropia). Un bambino può anche avere una fororia con deviazione dell’occhio solo quando uno degli occhi è coperto o quando è stanco o malato.
  • Ambliopia: visione ridotta in un occhio, che può essere secondaria a strabismo, anisometropia (errori di rifrazione disuguali in entrambi gli occhi, ad esempio, se un occhio è più ipermetrope dell’altro), cataratta congenita, ecc.
  • Errori di rifrazione: come miopia (miopia) e ipermetropia (ipermetropia).

Nei bambini più piccoli, una valutazione della vista di solito consiste in un esame del riflesso rosso (controlli per cataratta e retinoblastoma), allineamento degli occhi (gli occhi disallineati possono indicare strabismo) e movimenti oculari.

Screening della vista

I bambini più grandi, a partire dai tre anni di età, dovrebbero sottoporsi a un test più formale della loro visione. Fino a quando il test formale della vista non è possibile dopo i tre anni di età, la visione dei bambini più piccoli può essere valutata osservando il modo in cui fissano e rintracciano gli oggetti e dalla storia dei genitori del bambino.

Le pietre miliari visive per i neonati includono la capacità di seguire un oggetto fino alla linea mediana nelle prime due – sei settimane , oltre la linea mediana da uno a tre mesi e seguire un oggetto di 180 gradi da tre a cinque mesi. Se tuo figlio non raggiunge queste pietre miliari dello sviluppo in tempo, dovresti consultare il tuo pediatra per una valutazione.

Altri test possono includere il test del riflesso alla luce corneale, in cui una luce viene diretta verso il ponte del naso e il riflesso della luce viene esaminato per assicurarsi che sia simmetrico o brilli nello stesso punto su entrambi gli occhi. Se il riflesso della luce è decentrato o non simmetrico in entrambi gli occhi, potrebbe indicare un disallineamento degli occhi. Questo è utile per differenziare lo pseudostrabismo, una condizione in cui gli occhi sembrano essere disallineati a causa di pieghe epicantali prominenti o di un ampio ponte nasale e che non richiede trattamento, dal vero strabismo.

Il test di copertura unilaterale può essere utilizzato per determinare se un neonato o un bambino piccolo seguirà un oggetto mentre uno degli occhi è coperto. Ad esempio, il tuo pediatra può vedere se tuo figlio può fissare e seguire un giocattolo con entrambi gli occhi, quindi coprire l’occhio sinistro e vedere se continua a seguirlo con l’occhio destro. Quindi, l’occhio destro è coperto per vedere se seguirà il giocattolo con l’occhio sinistro. Se diventa molto pignolo o si rifiuta di seguire l’oggetto quando gli copri uno degli occhi, ciò potrebbe indicare che la vista nell’altro occhio è ridotta.

Nei bambini più grandi, il test di copertura unilaterale è utile anche per verificare la presenza di strabismo. Mentre il bambino guarda un oggetto distante, come una mappa oculare o un giocattolo, coprigli uno degli occhi. Se l’altro occhio si sposta verso l’esterno o verso l’interno, ciò potrebbe indicare che i suoi occhi non sono allineati e che ha uno strabismo. Il test viene quindi ripetuto coprendo l’altro occhio.

Determinare se è necessaria un’ulteriore valutazione

Altri problemi che indicano la necessità di un’ulteriore valutazione includono i genitori che notano che gli occhi del loro bambino si incrociano, che i loro occhi non sono dritti o se semplicemente non sembrano vedere bene. È importante tenere presente che i bambini più piccoli di solito non segnalano problemi alla vista, soprattutto se il problema è in un solo occhio e l’altro occhio è accomodante.

I bambini più grandi, in età scolare, potrebbero riferire di non poter vedere la lavagna, o potrebbero avere frequenti mal di testa, visione doppia o strizzare gli occhi di frequente. Un test formale dell’acuità visiva è solitamente possibile una volta che un bambino ha tre anni, sebbene i bambini di 2 anni possano essere testati con schede illustrate. Il grafico di Allen include immagini facilmente riconoscibili, tra cui una torta, una mano, un uccello, un cavallo e un telefono.

Un altro test comunemente utilizzato per i bambini di 3-5 anni è il grafico E rotante o gioco “E”, un grafico con la lettera E in diversi orientamenti (su, giù, destra e sinistra) e dimensioni. I bambini vengono testati chiedendo in quale orientamento o direzione si trova la lettera E per ogni dimensione di lettera.

Per preparare tuo figlio a questo test, puoi giocare al gioco di puntamento di  Prevent Blindness America . Hanno anche una copia del Test della vista a distanza per bambini più piccoli, che utilizza la carta E e che puoi usare a casa.

Per i bambini che possono riconoscere alcune lettere, può essere utilizzato il sistema HOTV, in cui le lettere H, O, T e V sono visualizzate in diverse dimensioni su un grafico. Al bambino viene data una lavagna con una grande H, O, T e V su di essa, e gli viene chiesto di indicare la lettera sulla lavagna che corrisponde alla lettera sul grafico.

I bambini più grandi possono essere testati con la normale tabella degli occhi di Snellen utilizzata per gli adulti. In generale, il grafico di Snellen è il più preciso e dovrebbe essere utilizzato quando possibile.

Standard per l’acuità visiva

Dopo aver eseguito il test, il passaggio successivo è decidere se il bambino ha superato il test, poiché i bambini in età prescolare non devono necessariamente avere una vista 20/20 per superare il test. L’American Academy of Pediatrics ha emesso standard per l’acuità visiva a diverse età, tra cui:

  • 20/40 per bambini 3-4 anni
  • 20/30 per i bambini più grandi
  • 20/20 per i bambini in età scolare

Oltre alla loro acuità visiva, è importante anche il confronto tra i due occhi di un bambino. A qualsiasi età, se c’è una differenza di due linee tra gli occhi, ciò potrebbe indicare una grave perdita della vista, come ad esempio se un occhio è 20/20, ma l’altro occhio è 20/40. O se un occhio è 20/30 e l’altro è 20/50.

I bambini che non collaborano o che non superano un test di screening della vista nell’ambulatorio del pediatra, specialmente se si tratta di più tentativi, dovrebbero essere visti da un oftalmologo pediatrico per un test più formale.

Un rinvio a un oftalmologo pediatrico è anche una buona idea per i bambini con strabismo dopo i sei mesi di età, se hanno ptosi, dove la palpebra superiore si abbassa, o se uno degli occhi è fisso o ha un movimento limitato, sebbene lo sia di solito normale se gli occhi di un neonato o di un bambino piccolo occasionalmente si incrociano. Lo strabismo è un’altra condizione pediatrica in cui un approccio attendista per scoprire se un bambino crescerà fuori dal problema non è appropriato.

I bambini dovrebbero anche essere visti da un oftalmologo se sono ad alto rischio di avere problemi visivi, come neonati prematuri, bambini con sindrome di Down, sindrome di Sturge Weber, JRA, neurofibromatosi, diabete o sindrome di Marfan, bambini nati con un’infezione congenita o se c’è una storia familiare di strabismo o altri disturbi agli occhi nell’infanzia.

Inoltre, se il tuo pediatra non offre lo screening della vista durante il controllo di 3 anni, potresti prendere in considerazione la possibilità di consultare un oftalmologo pediatrico per far controllare la vista di tuo figlio.

Cos’è un oftalmologo pediatrico?

Un oftalmologo è un medico (MD), la cui formazione comprende 4 anni di college, 4 anni di facoltà di medicina, 1 anno di stage e 3 anni di specializzazione in oftalmologia. Oltre a prescrivere occhiali o lenti a contatto, gli oftalmologi diagnosticano e trattano la maggior parte dei disturbi oculari ed eseguono interventi chirurgici agli occhi.

Un oftalmologo pediatrico (MD), oltre a aver completato la scuola di medicina, uno stage e una specializzazione in oftalmologia, ha completato un anno in più di formazione in borsa di studio in oftalmologia pediatrica.

Un optometrista (OD) di solito ha completato 2-4 anni di college e 4 anni di college optometrico. Un optometrista può diagnosticare e schermare le anomalie della vista e prescrivere occhiali e lenti a contatto.

Secondo l’ American Academy of Pediatrics , “ se il tuo pediatra suggerisce di far controllare gli occhi a tuo figlio, un oftalmologo pediatrico ha la più ampia gamma di opzioni di trattamento, la formazione più ampia e completa e la massima esperienza nel trattare con i bambini e nel trattamento disturbi agli occhi dei bambini. “

Trova un oculista pediatrico nella tua zona. Se non disponi delle risorse finanziarie per far valutare la vista di tuo figlio o trattare i suoi problemi, consulta Sight for Students , un programma che fornisce esami della vista e occhiali a bambini non assicurati negli Stati Uniti.

Gestione dello stress per i bambini

Il sonno di tuo figlio e l’ora legale