in

Perché Un Bambino Combatte Il Sonno E Come Affrontarlo?

Il tuo bambino inizia a strofinarsi gli occhi e il naso, diventa irritabile e pignolo; ti rendi conto che è ora di andare a letto. Prendendoli tra le braccia, dondoli dolcemente e canti persino una ninna nanna.

Lentamente, si addormentano; li metti con cura nella loro culla e ti volti solo per sentirli piangere e calciare nella loro culla. Questo è familiare per te? Allora potresti essere un bambino che combatte il sonno. Mi chiedo cosa sia e perché? Continua a leggere mentre spieghiamo i motivi per cui il bambino combatte il sonno e i modi per fermarlo.

Pubblicità

Come Sapere Se Il Tuo Bambino Sta Combattendo Il Sonno?

Alcuni bambini resistono all’addormentarsi, anche quando sono stanchi o esausti. Questi bambini inarcano la schiena, si agitano, si dimenano e scalciano per evitare il sonno, lasciandoli irritati e pignoli. I bambini che combattono il sonno potrebbero anche avere difficoltà a riaddormentarsi una volta che si svegliano durante la notte.

Possibili Ragioni Per Cui I Bambini Combattono Il Sonno

Scoprire perché il tuo bambino sta combattendo il sonno è importante per aiutarlo a dormire meglio. Ecco alcuni possibili motivi.

  1. Troppo stanco: i bambini dormono più velocemente quando sono stanchi, ma se sono troppo stanchi, potrebbe causare resistenza al sonno. Si dice che i bambini abbiano una finestra in cui è più probabile che si addormentino; quando questo viene mancato, potrebbero diventare stanchi, irritabili e resistere ad addormentarsi.
  1. Non sincronizzare l’ora di andare a letto e il ritmo circadiano: gli studi suggeriscono che i bambini con intervalli più brevi tra DLMO (insorgenza di melatonina debole, che è un indicatore del ritmo circadiano) e l’ora di coricarsi tendono a mostrare una maggiore resistenza al sonno (1) .

Questo di solito accade quando il ritmo circadiano del bambino (orologio biologico) non si sincronizza con l’ora di andare a letto impostata dai genitori. Di conseguenza, i bambini potrebbero mostrare latenze di inizio del sonno.

  1. Nessun auto-lenitivo: la ricerca dice che i bambini di età compresa tra quattro e sei mesi tendono a sviluppare auto-calmante all’inizio del sonno e ai risvegli da incubo, e questa tendenza aumenta di frequenza fino all’età di uno.

Tuttavia, se il tuo bambino non sviluppa auto-lenitivo, potrebbe resistere all’addormentarsi senza l’intervento dei genitori (2) .

  1. Modifica dei modelli di sonno: il tempo in cui il tuo bambino dorme cambia man mano che cresce. Ad esempio, i neonati hanno bisogno di dormire 14-17 ore, mentre i bambini di età compresa tra 4 e 11 mesi hanno bisogno di 12-15 ore di sonno (3), il modo per capire questo cambiamento è monitorare le ore di sonno.
  2. Fame: i neonati richiedono l’alimentazione quasi 24 ore su 24 per i primi mesi per sostenere la loro crescita e le loro esigenze nutrizionali. Se hai saltato una poppata o se la porzione era inferiore, potrebbe lasciare il tuo bambino affamato, facendogli resistere al sonno. Ciò si verifica anche se l’ora del pisolino del bambino e l’ora della poppata entrano in conflitto. Se trovi il tuo bambino che si succhia le dita e le labbra mentre resiste al sonno, potrebbe significare che ha fame.
  3. Eccessiva stimolazione: alcuni bambini potrebbero avere difficoltà a dormire o resistere al sonno quando sono eccessivamente stimolati . Questo stimolo potrebbe essere dovuto a troppa luce, rumore o tocco. Ad esempio, quando sono le festività natalizie e la tua casa è piena di gente, il tuo bambino potrebbe combattere il sonno a causa della eccessiva stimolazione.
  4. Ansia da separazione: se il tuo bambino vuole sempre essere tenuto in braccio o piange quando viene lasciato solo anche per un po ‘, potrebbe avere ansia da separazione . Questo è normale e fa parte del loro sviluppo. I bambini di solito sviluppano ansia da separazione a circa sei mesi di età. L’ansia da separazione potrebbe essere la ragione per cui il tuo bambino si sveglia non appena lo metti nella culla (4) .

A volte i bambini possono anche combattere il sonno se hanno dolore alla dentizione , raffreddore o infezioni alle orecchie , quindi è meglio cercare altri sintomi.

Come Impedire Al Tuo Bambino Di Combattere Il Sonno?

Se il tuo bambino combatte il sonno o si sveglia spesso, potresti aiutarlo a dormire meglio. Ecco alcuni suggerimenti generali per aiutarlo a dormire.

  1. Crea una routine della buonanotte e rispettala : gli studi suggeriscono che una routine della buonanotte è associata a un umore positivo e a una migliore regolazione emotivo-comportamentale nei bambini (5) . Se metti il ​​tuo bambino a dormire alla stessa ora ogni notte, il suo orologio biologico inizierà ad adattarsi ad esso e alla fine potrebbe aiutare a sincronizzare il ritmo del sonno con il ritmo circadiano del tuo bambino. Cara Dumpalin di Taking Cara Babies, consulente pediatrica certificata del sonno ed esperta del sonno del bambino, afferma: “Il modo migliore per attenersi a una routine della buonanotte con un bambino che combatte il sonno è essere consapevoli dei segnali di sonno e di svegliare le finestre. Trovare quel punto giusto per andare a dormire consente al tuo bambino di avere abbastanza tempo da sveglio per essere preparato per dormire senza spingerlo a stancarsi “. 

Osserva abitudini di sonno sane, come fare il bagno, dar loro da mangiare e leggere una favola della buonanotte, per stabilire una routine della buonanotte. Inoltre, assicurati di posizionare il tuo bambino sulla schiena, che è la posizione di sonno più sicura fino a quando non gira uno.

  1. Controlla i sonnellini diurni: lascia che il tuo bambino faccia dei sonnellini adeguati durante il giorno in modo che non combatta il sonno prima di andare a dormire la sera. I bambini di età compresa tra due e 12 mesi di solito fanno un sonnellino da due a cinque ore durante il giorno (6) . Regola i sonnellini secondo le esigenze del bambino. Prova a mantenere un intervallo di circa quattro ore tra l’ultimo pisolino della giornata e l’ora di andare a dormire la sera.
  2. Raccogli i segnali del sonno: un bambino assonnato e stanco emette segnali, come sbadigliare, stropicciarsi gli occhi o perdere interesse per il gioco che indicano la disponibilità al sonno . È meglio metterli a dormire in pochi minuti per evitare di perdere la finestra del sonno.
  3. Stabilisci dei limiti: imposta un limite a quanto consoli il bambino quando si sveglia di notte e combatti il ​​sonno. Di solito, quando i bambini piangono di notte, i genitori corrono ad abbracciarli e consolarli, cosa che potrebbe diventare un’abitudine per il bambino e potrebbero resistere ad addormentarsi da soli.

La prossima volta che tuo figlio inizia a piangere, entra nella sua stanza per farlo sentire al sicuro, ma non prenderlo immediatamente tra le tue braccia. Cerca di calmarli nella loro culla. In alternativa, puoi posizionare la culla del bambino nella tua stanza (condivisione della stanza). Permette al bambino di vedere di sfuggita il genitore e di riportarlo a dormire.

  1. Gestire l’ansia da separazione: se noti segni di ansia da separazione nei tuoi figli, cerca di stabilire una routine per farli sentire al sicuro da soli; metti un giocattolo di sicurezza o di conforto lontano dalla portata del bambino ma all’interno della loro linea di vista. Lascia il tuo bambino nella stanza per periodi più brevi sorvegliandolo da lontano.
  2. Rompere le abitudini di sonno della dipendenza: se il tuo bambino ha l’abitudine di addormentarsi tra le tue braccia, potrebbe svegliarsi non appena lo metti nella culla . Per evitare ciò, metti il ​​tuo bambino nella culla quando è assonnato, ma non in stato di sonno. Questo dà loro il tempo di adattarsi alla culla. Se il tuo bambino è abituato a dormire tra le tue braccia, potrebbe essere necessaria molta pazienza e impegno per rompere l’abitudine.
  3. Crea un ambiente rilassante: lascia che l’atmosfera nella stanza sia calma e rilassante Elimina i rumori forti, gli schermi e qualsiasi stimolo esterno approssimativo almeno una o due ore prima di dormire. Puoi anche usare tende oscuranti e macchine per il rumore bianco per calmare il tuo bambino.
  4. Aiuta a stabilire i ritmi circadiani: i primi segni dei ritmi circadiani si sviluppano da dieci a dodici settimane dalla nascita, contrassegnati da un aumento del sonno durante la notte (3) . Durante questo periodo, allena il corpo del tuo bambino a stabilire un programma diurno e notturno giocando, interagendo, esponendolo alla luce solare al mattino e al pomeriggio ed essendo meno attivo durante la notte.
  5. Nutrili adeguatamente: i neonati tendono a nutrirsi ogni due o tre ore e gli intervalli potrebbero aumentare man mano che crescono. Assicurati che la pancia del tuo bambino sia piena prima di andare a dormire. Inoltre, fai attenzione che i suoi orari di alimentazione e sonno non si sovrappongano.
  6. Sii paziente: se stai cercando un metodo particolare per far addormentare il bambino, non arrenderti. Lavoraci pazientemente finché il bambino non combatte più il sonno. Fatti aiutare dalla famiglia e dagli amici per far dormire meglio il bambino.
  7. Sii emotivamente disponibile: è importante che il bambino si senta sicuro per tutto il giorno. Molti bambini, specialmente quelli più grandi che non vedono spesso i loro genitori, cercano di evitare il sonno in modo che possano trascorrere più tempo con loro.
  8. Non spingerlo: se cerchi di costringere il tuo bambino ad addormentarsi, di solito lo rende più eccitabile. Il conflitto che ne deriva assicurerà che il bambino non si addormenti.

Alcuni bambini potrebbero avere problemi di sonno pediatrici, che sono comuni nei primi due anni (7) . Se il tuo bambino sta combattendo il sonno nonostante tutti i tuoi sforzi, consulta un pediatra.

A volte, il tuo bambino non si muoveva e continuava a tornare alle vecchie abitudini; in questi momenti, non essere duro con loro o con te stesso. Fai una pausa e riprova. Man mano che il tuo bambino cresce, avrà schemi di sonno più prevedibili, mentre acquisirai anche l’esperienza di individuare meglio i segnali del sonno.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Qual È La Causa Delle Eruzioni Cutanee Nei Bambini E Come Prevenirle?

6 Motivi Per Cui I Bambini Piangono Nel Sonno E Come Lenirli