in

Perché sempre più bambini nascono dipendenti dai farmaci da prescrizione

Quello che devi sapere sui farmaci da prescrizione, non solo sugli oppioidi

Il numero di bambini nati dipendenti da oppiacei e altri farmaci da prescrizione è in costante aumento.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie  riferiscono che l’incidenza dei bambini nati in uno stato di astinenza da oppiacei, chiamato sindrome da astinenza neonatale (NAS) , è aumentata del 383% tra il 2000 e il 2012 in 28 stati.

“Sebbene alcuni di questi bambini nascano dipendenti dall’eroina o da altre droghe da strada, circa un terzo è nato da donne della classe media che sono diventate dipendenti in silenzio da farmaci prescritti per problemi come il mal di schiena cronico e la depressione”, afferma la neonatologa Sabine Iben. , MD .

Come i bambini sviluppano dipendenza

Nell’utero, il feto condivide la circolazione della madre. Farmaci come eroina , codeina, ossicodone, metadone e buprenorfina possono passare attraverso la placenta nel flusso sanguigno fetale in modo che sia la madre che il bambino diventino dipendenti dal farmaco.

Dopo la nascita, i bambini devono fare affidamento sulla propria circolazione e la diminuzione dei livelli di droga causa sintomi di astinenza.

Anche l’alcol, le benzodiazepine, i barbiturici e alcuni antidepressivi (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina o SSRI) possono causare sintomi di astinenza nei bambini.

I sintomi possono essere ritardati

Avere un bambino nato in uno stato di astinenza può devastare le famiglie. I sintomi di solito emergono da 24 a 48 ore dopo la nascita, ma potrebbero non comparire fino a quando la madre e il bambino non sono stati dimessi a casa. Il NAS può durare da una settimana a sei mesi.

I neonati sono spesso piccoli per la loro età gestazionale. Possono anche sviluppare un gruppo di sintomi che include:

  • Colica
  • Irritabilità e pianto eccessivo
  • tremori
  • starnuti
  • Povero sonno
  • Diarrea
  • Difficoltà di alimentazione
  • Variazioni di temperatura

L’astinenza da oppiacei può anche causare convulsioni nei bambini. Ci sono anche alcune prove che possono sviluppare difficoltà di apprendimento in seguito.

“Se un bambino mostra questo gruppo di sintomi, anche se pensi di non usare oppioidi , porta il bambino dal tuo pediatra per essere valutato. Potrebbe essere necessario ricoverare il bambino in ospedale”, consiglia il dott. Iben.

4 cose che sembrano aiutare

Raccomanda quattro cose per aiutare i bambini durante il processo di astinenza:

  1. Allattamento al seno . Ciò consente a una piccola quantità di droga di entrare nel sistema del bambino, riducendo i sintomi di astinenza.
  2. Coccole . Questo non solo può alleviare i sintomi, ma aiuta anche il legame tra madre e bambino e migliora la tolleranza al pianto eccessivo.
  3. Tenere i bambini 24 ore su 24, 7 giorni su 7. I membri della famiglia sono incoraggiati a fasciare e tenere in braccio il bambino 24 ore su 24, a turno, fino alla scomparsa dei sintomi.
  4. Un ambiente tranquillo. “Troviamo utile tenere il bambino in un ambiente tranquillo con scarsa illuminazione. Limitiamo i nostri esami e valutazioni di routine a quando il bambino è sveglio”, afferma il dott. Iben.

Se questi interventi non funzionano, il personale di terapia intensiva può somministrare al bambino una piccola dose di morfina che viene lentamente e delicatamente abbassata fino alla scomparsa dei sintomi, che può richiedere diverse settimane.

Evitare gli oppioidi per il dolore cronico

Molte madri di bambini nati con questa sindrome da astinenza non si considerano tossicodipendenti. Invece, potrebbero essere vittime innocenti di un’epidemia di prescrizione indiscriminata di oppiacei , afferma il dott. Iben.

“Se hai qualsiasi tipo di dolore cronico, è importante evitare gli oppioidi . Gli oppioidi sono raccomandati solo per il dolore acuto (il tipo di dolore che proveresti dopo un intervento chirurgico o un grave infortunio, ad esempio)”, afferma. “Evitare gli oppioidi è particolarmente importante durante gli anni della gravidanza”.

Se un medico o un dentista si offre di prescriverti qualcosa per il tuo dolore, chiedi se si tratta di un narcotico . Se la risposta è sì, chiedi un’alternativa.

Sono in corso sforzi per educare più medici sui trattamenti alternativi per il dolore cronico. “Dobbiamo essere tutti consapevoli di questo problema crescente e lavorare insieme per prevenire il tributo che comporta per i bambini e le famiglie”, afferma il dott. Iben.

Come aiutare tuo figlio dopo una rottura o un divorzio

In che modo i livelli elevati di colesterolo possono influenzare anche i bambini