in ,

Metti i vaccini nella tua lista di controllo per il ritorno a scuola

Non dimenticare di proteggere i tuoi figli e gli altri

Ti sei preso cura dello zaino, del portavivande, delle cartelle, dei raccoglitori, delle colla stick e dell’astuccio. Ma per quanto riguarda i vaccini di cui potrebbe aver bisogno tuo figlio?

Il pediatra generale Kim Giuliano, MD , afferma che i vaccini sono importanti per prevenire le malattie nelle persone di tutte le età, ma soprattutto per i bambini in età scolare.

Aspetta, di cosa hanno bisogno quando?

I bambini in genere ricevono due iniezioni che li proteggono da otto malattie di età compresa tra 4 e 6 anni. Ma anche i bambini grandi hanno bisogno di vaccini.

“La prossima volta che i bambini ricevono le vaccinazioni di routine è intorno agli 11 o 12 anni, e poi di nuovo tra i 16 ei 18 anni”, afferma il dott.

Giuliano.

Il perché dietro quegli scatti

Il programma di vaccinazione completo è progettato per proteggere i bambini da 16 malattie potenzialmente dannose. Dalla nascita ai 6 anni, si raccomanda ai bambini di ricevere vaccini per prevenire 14 malattie.

E tutti i 6 mesi in su dovrebbero ricevere un vaccino antinfluenzale annuale . Inoltre, si consiglia ai preadolescenti di ricevere i vaccini per HPV , meningite e T-dap (che protegge da tetano, difterite e pertosse).

E non dimenticare quei ragazzi del college

Se hai figli più grandi che stanno andando al college, assicurati che anche loro siano protetti.

“Ci sono alcuni vaccini che incoraggiamo anche per gli studenti universitari, in particolare il vaccino contro la meningite”, afferma il dott. Giuliano. “La meningite può diffondersi molto facilmente quando le persone vivono in spazi ristretti, come i dormitori dei college”.

Se non sei sicuro che tuo figlio sia aggiornato sui suoi vaccini o se il tuo bambino ha saltato le vaccinazioni, il dottor Giuliano consiglia di parlare con il tuo pediatra per tornare in carreggiata.

Qual è la soluzione migliore per l’osso rotto di tuo figlio?

Cosa sono le bevande per bambini: vanno bene per i bambini?