in

L’asma non è l’unico effetto dell’inquinamento atmosferico sui bambini. Anche il loro cervello è a rischio.

Vivere vicino a una strada trafficata non fa male solo ai polmoni dei bambini, ma ha anche il potenziale per alterare il loro cervello.

Vivere vicino alle autostrade è una minaccia significativa per i bambini, suggerisce una quantità crescente di ricerche, non perché potrebbero essere investiti da un’auto, ma perché verranno colpiti da tutte le tossine dal veicolo stesso. L’inquinamento atmosferico influisce sullo sviluppo polmonare nei bambini e aumenta il rischio di asma , ma ora sta diventando evidente che le particelle tossiche non rimangono lì. Viaggiano attraverso il corpo e nel cervello in via di sviluppo, causando problemi cognitivi che gli scienziati stanno appena iniziando a scoprire. 

“Sappiamo da molto tempo che l’inquinamento atmosferico ha effetti respiratori nei bambini piccoli. Colpisce lo sviluppo polmonare e aumenta il rischio di asma”, afferma Doug Brugge, professore e presidente del Dipartimento di scienze della salute pubblica presso UConnHealth . “Ciò che è nuovo e sta ottenendo maggiore attenzione è che ci sono più prove che l’inquinamento atmosferico influenzi lo sviluppo cognitivo e il declino cognitivo negli anziani. Quelle prove sono cresciute drammaticamente di recente”.

Quando i bambini inalano inquinanti dalle auto, entrano nel loro tratto respiratorio ma possono anche viaggiare attraverso il nervo olfattivo nella parte posteriore del naso direttamente al cervello. In altri casi, piccole particelle tossiche passano attraverso i polmoni dei bambini e il corpo, penetrando nei loro tessuti e hanno la capacità di entrare nelle loro cellule e attraversare altre barriere biologiche che le particelle più grandi non possono. Le implicazioni di questo sono allarmanti, anche se non è chiaro cosa facciano queste tossine una volta nel corpo. Quello che sappiamo è che queste tossine si stanno facendo strada nel sistema nervoso dei bambini e il potenziale danno è alto.

Uno dei più grandi campanelli d’allarme proviene da uno  studio su oltre 130.000 nascite, tra cui 1.307 bambini in seguito a cui è stato diagnosticato un disturbo dello spettro autistico, che ha trovato un legame tra l’esposizione prenatale all’ossido nitrico e il rischio di autismo. “Non ci sono prove sufficienti per essere conclusive sull’aumento del rischio di sviluppare l’autismo”, afferma Brugge. “Ma c’è abbastanza per essere preoccupati e per fare più ricerche”. 

Sebbene la ricerca indichi che la gravidanza può essere una finestra critica da considerare, Brugge osserva che concentrarsi su altre fasi dello sviluppo di aumento del rischio una volta che i bambini sono nati potrebbe non produrre interventi utili, soprattutto perché gli esperti sanno già che l’inquinamento atmosferico rappresenta una minaccia per tutti i bambini. 

I risultati immediati della ricerca sono che le scuole, i parchi giochi, gli asili nido e qualsiasi altra struttura in cui si riuniscono regolarmente grandi quantità di bambini dovrebbero essere il più lontano possibile dalle autostrade e il più vicino possibile agli spazi verdi, per una questione di politica. Questo è ovvio, ma l’esecuzione può ancora essere difficile. Ciò è tanto più vero quando si tratta di alloggi, in particolare di alloggi a basso reddito. La maggior parte degli americani è bloccata a vivere dove può permettersi di vivere, e per molti bambini ciò significa inalare regolarmente l’inquinamento atmosferico. 

Le cose da asporto per i genitori sono, come le autostrade vicino alle quali vivono, un po’ confuse. Passare più tempo nei parchi e negli spazi verdi più lontani dalle autostrade ha senso, ma solo se non devi guidare per arrivarci. Tuttavia, Brugge non pensa che nemmeno i genitori dovrebbero farsi prendere dal panico per l’inquinamento atmosferico, ma metterlo in prospettiva con tutti gli altri pericoli per i loro figli di cui si preoccupano.  

“Non dovrebbe essere invisibile, ma preoccuparsi solo dell’inquinamento atmosferico sarebbe estremo”, afferma. 

In definitiva, l’inquinamento atmosferico è pericoloso per tutti, ma più gli scienziati apprendono che ha un impatto sui bambini, più le persone si preoccupano di risolvere questi problemi. Brugge lo paragona al fumo di seconda mano decenni fa. La gente sapeva che era un male, ma una volta che hanno saputo che faceva male ai bambini, tutti hanno fatto qualcosa al riguardo. 

“Il fatto che la nonna possa avere un attacco di cuore a causa dell’inquinamento atmosferico non tira le corde del cuore tanto quanto i giovani che sviluppano l’asma. Ma ci teniamo molto ai nostri figli e questo è positivo”.  

Vaccini over 12: arriva il sì dei Pediatri

Gli unici traguardi di 5 mesi che contano