in

I pediatri dicono: “Non sculacciare i tuoi figli!” Ecco perché + cosa fare invece

Sculacciate legate a successivi problemi comportamentali ed emotivi

È tempo che i genitori abbandonino il vecchio adagio secondo cui i bambini “meritano una buona sculacciata” ogni tanto, dicono gli esperti di salute.

L’American Academy of Pediatrics (AAP) ha recentemente rilasciato una dichiarazione forte che consiglia ai genitori di non sculacciare i propri figli, sulla base di una pila crescente di studi che dimostrano che la tecnica disciplinare fa più male che bene.

La ricerca negli ultimi 20 anni ha dimostrato che la sculacciata aumenta l’aggressività nei bambini piccoli ed è inefficace nel modificare il loro comportamento indesiderato, afferma l’AAP. Gli studi hanno anche collegato la sculacciata a un aumento del rischio di disturbi di salute mentale e a un alterato sviluppo del cervello.

L’AAP è un’influente associazione professionale che rappresenta circa 67.000 pediatri in tutto il paese. Ma questa evoluzione nel pensare alla disciplina dei genitori non si limita solo ai professionisti medici: un minor numero di genitori che allevano i bambini oggi sembra supportare la sculacciata. In un sondaggio del 2013 , circa la metà dei genitori di età inferiore ai 36 anni ha riferito di aver sculacciato i propri figli. Tra tutte le generazioni più anziane, quel numero era del 70% o più.

La sculacciata funziona? Cosa dice la scienza

“La nuova dichiarazione AAP include dati che mostrano che i bambini che sono stati sculacciati nei loro primi anni avevano maggiori probabilità di essere più provocatori, mostrare comportamenti più aggressivi più tardi nella scuola materna e a scuola e hanno aumentato il rischio di disturbi di salute mentale e una minore autostima, “dice la pediatra Karen Estrella, MD .

Sebbene la sculacciata possa creare un senso di paura nel bambino in quel momento, non migliorerà il comportamento a lungo termine, dicono gli esperti. In effetti, una sculacciata regolare normalizza l’atto di colpire e può portare a comportamenti aggressivi che incoraggiano il conflitto continuo tra genitore e figlio.

“I bambini vedono i loro genitori come modelli di ruolo”, afferma la dott.ssa Estrella. “Il comportamento aggressivo genererà solo comportamenti più negativi in ​​un bambino”.

Nella sua dichiarazione, l’AAP ha anche condannato gli abusi verbali, spiegando che urlare in un modo che insulta, umilia o fa vergognare un bambino ha anche effetti negativi sullo sviluppo del cervello.

“La ricerca mostra che i bambini esposti a stress tossico hanno cambiamenti nelle loro capacità cognitive in seguito”, afferma il dott. Estrella.

Strategie disciplinari più produttive

L’AAP raccomanda tre passaggi per disciplinare efficacemente un bambino:

  • Stabilire una relazione genitore-figlio positiva e solidale che dia al bambino una ragione per dimostrare un buon comportamento.
  • Usa il rinforzo positivo per incoraggiare il bambino a comportarsi bene.
  • Se necessario, usa altri metodi disciplinari come il time out o sottraendo i privilegi preferiti di un bambino per un periodo di tempo.

La dott.ssa Estrella si basa su queste e altre raccomandazioni dell’AAP con questi suggerimenti aggiuntivi:

Sii un modello. Rendi prioritario mantenere la calma, con la consapevolezza che tuo figlio ti considera un esempio di come comportarti.

Stabilisci regole e limiti che possono essere applicati in modo coerente tra tutti i custodi. Non ci dovrebbero essere buoni/cattivi per un bambino con più tutori. Assicurati che le regole siano verbalizzate utilizzando un linguaggio appropriato all’età.

Lodare e celebrare costantemente i buoni comportamenti. Presta attenzione ai comportamenti che vuoi che tuo figlio ripeta. Dimostra di essere attento e orgoglioso quando si comporta bene.

Allo stesso modo, sappi quando non rispondere. “Ignorare un cattivo comportamento, ad esempio se un bambino si butta a terra perché non gli è stato permesso di giocare con l’iPad, è un buon modo per far diminuire quel comportamento nel tempo”, afferma il dott. Estrella. “In questo caso, il bambino imparerà che fare i capricci non gli farà ottenere l’iPad”.

Impara dall’esperienza passata. Cosa scatena il comportamento scorretto di tuo figlio? Se riesci a identificare un fattore scatenante, ci sono modi per evitarlo o almeno prepararti meglio? Assicurati che tuo figlio sappia quali saranno le conseguenze se non soddisfa le tue richieste o si comporta male in una determinata situazione.

Reindirizza il cattivo comportamento. Trasforma “non farlo” in un’azione che tuo figlio può fare. Se prende un giocattolo da un compagno di giochi, ad esempio, offrile un altro giocattolo o attività finché non è il suo turno.

Chiama un time out quando una regola viene infranta. Allontanare il bambino da quella situazione per un periodo di tempo prestabilito, che può essere un minuto per anno di età. Spiega in una breve frase perché lo stai facendo. Una volta che il bambino cresce, lascia che sia lui a guidare il time out dicendo: “Vai al time out e torna quando sei calmo e pronto”. Questo può insegnare al bambino a comprendere le sue emozioni, azioni e conseguenze, spiega la dottoressa Estrella.

“Parla con il tuo pediatra se questi comportamenti sono comuni all’età di tuo figlio su quali strategie usare”, aggiunge. “Se necessario, uno psicologo pediatrico e le risorse della comunità possono fornire corsi per genitori per ulteriore guida o supporto”.

Come aiutare il tuo bambino o il tuo bambino a liberarsi dal naso chiuso

Come la chirurgia nell’utero potrebbe aiutare il tuo bambino con la spina bifida