in

I bambini più piccoli della classe hanno maggiori probabilità di avere l’ADHD

Una diagnosi accurata richiede 3 passaggi

Il tuo bambino di 5 anni è pronto per l’asilo? O dovresti aspettare ancora un anno prima di iscriverlo a scuola? Queste domande possono tormentare i genitori in età prescolare, in particolare i genitori di bambini con compleanni di fine estate.

Ora potrebbero esserci più motivi di preoccupazione. Uno studio recente ha scoperto che gli studenti più giovani della scuola materna hanno maggiori probabilità di ricevere una diagnosi di disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) rispetto agli studenti più grandi della stessa classe.

ADHD o comportamento tipico?

In realtà non è una nuova scoperta. Studi precedenti hanno riportato lo stesso risultato. Ma questo studio dei ricercatori di Harvard, pubblicato su The New England Journal of Medicine , è uno dei più grandi fino ad oggi.

I ricercatori hanno studiato i registri assicurativi di oltre 400.000 bambini statunitensi nati dal 2007 al 2009. Hanno confrontato il tasso di ADHD diagnosticato negli stati con e senza il mandato che gli studenti avessero 5 anni entro il 1 settembre per iscriversi all’asilo in quell’anno scolastico.

Negli stati con il cutoff di settembre, il tasso di ADHD era 85 su 10.000 bambini nati ad agosto (gli studenti più giovani della classe), rispetto a 64 su 10.000 bambini nati a settembre (gli studenti più grandi della classe). Questa è una probabilità del 34% in più che agli studenti più giovani venga diagnosticato l’ADHD.

Gli studenti più giovani non avevano tassi più elevati di diagnosi di asma, diabete o obesità. E la differenza di ADHD tra i bambini nati in agosto e settembre non è stata osservata negli stati senza un cut-off del 1 settembre.

Quindi, l’ADHD è davvero più diffuso negli studenti più giovani o è solo confuso con un comportamento meno maturo?

“Non possiamo dire se a questi bambini viene sovradiagnosticata l’ADHD, ma sembra strano avere una scoperta così coerente su un gran numero di bambini”, afferma Michael Manos, PhD , Direttore clinico del Centro per la valutazione e il trattamento dell’ADHD . “La vera preoccupazione non riguarda la diagnosi eccessiva, tuttavia, ma la diagnosi errata. Si tratta di precisione diagnosticare la condizione e la garanzia che i bambini che non hanno l’ADHD ottenere un trattamento adeguato “.

Tre passaggi per la diagnosi

A più bambini oggi viene diagnosticata l’ADHD: 6,1 milioni di bambini statunitensi di età compresa tra 2 e 17 anni, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. Il tasso di diagnosi di ADHD è costantemente aumentato da quando è stato rilevato per la prima volta nel 1997.

Ci sono tre passaggi per diagnosticare correttamente l’ ADHD, afferma il dott. Manos:

  1. Identificare i comportamenti (sintomi ADHD). Le scale di valutazione aiutano i pediatri a valutare oggettivamente il comportamento di un bambino. I bambini devono avere sei dei nove sintomi per qualificarsi come disattenzione e/o sei degli altri nove sintomi di iperattività e impulsività per qualificarsi come iperattivi. Una corretta valutazione richiede il contributo di più osservatori, di solito un genitore e un insegnante. Ma le scale di valutazione da sole potrebbero non diagnosticare correttamente l’ADHD.
  2. Considera altre cause. “Forse la disattenzione è dovuta alla distrazione di un nuovo smartphone , non all’ADHD”, afferma il dott. Manos. “Forse il comportamento scorretto è dovuto al fatto di stare alzati troppo tardi e non dormire a sufficienza, o a causa dello stile genitoriale e delle tecniche inefficaci di gestione del comportamento a casa. Possono essere presenti anche altre cause, come lo sviluppo ritardato. Se il medico non esclude questi fattori, possono derivare diagnosi errate”.
  3. Determinare l’effetto di altre condizioni di salute. Ansia, depressione, disturbi del sonno e altre condizioni di salute comportamentale possono aggravare o imitare i sintomi dell’ADHD.

“Nel nostro centro, seguiamo questo processo in tre fasi e utilizziamo più scale di valutazione del comportamento e interviste ai genitori”, afferma il dott. Manos. “Chiediamo ai genitori di descrivere il comportamento e la frequenza con cui si verifica. Sia con le valutazioni che con le interviste, possiamo determinare chiaramente se il paziente ha o meno l’ADHD, alleviando qualsiasi preoccupazione per una diagnosi errata.

Quando trattare l’ADHD

Una corretta diagnosi di ADHD è importante perché un trattamento adeguato è vitale.

“Prima iniziamo il trattamento, migliore sarà il risultato”, afferma il dott. Manos.

Una combinazione di terapia comportamentale e farmaci per i bambini con ADHD è considerata l’approccio migliore. La terapia comportamentale può aiutare a ridurre la dose di farmaco necessaria.

“L’adagio ‘le pillole non insegnano le abilità’ è una distinzione importante per il trattamento dell’ADHD”, afferma il dott. Manos.

Più a lungo aspetti per trattare l’ADHD, peggiori sono gli effetti, osserva.

” Gli adulti che hanno lottato da soli con la malattia per anni, vedendo che spesso producono meno degli altri ma senza discernere il perché, tendono ad essere autocritici e si sentono sconfitti”, dice. “Lottano sul lavoro e nelle relazioni. Spesso ci sono effetti emotivi molto negativi che si manifestano nel tempo con l’ADHD non trattato.

Manda tuo figlio all’asilo o aspetta un altro anno?

Tornando allo studio recente: sebbene i risultati della ricerca possano sembrare allarmanti, la prontezza precoce di tuo figlio ad iniziare l’asilo non aumenta il suo rischio di avere l’ADHD.

“Se hai una bambina di 5 anni brillante e precoce che ha bisogno dello stimolo che la scuola fornisce, mandala all’asilo”, dice il dott. Manos.

Indipendentemente dall’età o dal livello di maturità di uno studente, il processo in tre fasi può identificare con precisione coloro che hanno effettivamente l’ADHD. Ricevere un trattamento adeguato il prima possibile li preparerà per anni di successi a scuola e oltre.

Avere il tuo bambino che usa un disinfettante per le mani potrebbe significare meno giorni persi dall’asilo nido?

Costruire la resilienza: 4 modi per aumentare la fiducia e le capacità di coping di tuo figlio