in

Gli stili genitoriali riguardano te, non il bambino

Che tipo di genitore sei? La risposta è felicemente chiara: non importa, non per niente.

Qual è il tuo stile genitoriale? Sei un genitore di attaccamento,  un genitore ruspante , un genitore di genere neutro o un genitore tigre ? Sebbene ogni campo abbia un seguito fedele, gli stili genitoriali dicono molto sull’adulto in attesa, ma molto poco su come se la caverà quel bambino. In sostanza, non importa come etichetti il ​​tuo stile genitoriale. Puoi essere lì per ogni piagnucolio o dare loro spazio, dare a tuo figlio tutti i giocattoli o nessuno di loro. Puoi investire tempo, denaro, energia e molto stress nel seguire esattamente gli stili genitoriali . Ma niente di tutto questo farà la differenza. 

Il fatto è che i bambini sono progettati per essere in gran parte immuni agli stili genitoriali. Cresceranno e si svilupperanno indipendentemente da come un genitore etichetta la propria genitorialità, purché il genitore sia presente e reattivo almeno la metà delle volte. La prova di ciò risiede nella storia delle norme genitoriali e nell’enorme diversità delle pratiche genitoriali culturali in tutto il mondo. Allora perché gli americani sono così bloccati dall’idea che iterazioni molto specifiche di una buona genitorialità siano così essenziali per crescere bambini sani? 

Molto di questo può essere fatto risalire al 1946, quando il pediatra Dr. Benjamin Spock pubblicò il libro The Common Sense Book of Baby and Child Care e aprì le porte alla diversità degli stili genitoriali che vediamo oggi. In questo libro molto popolare, Spock ha eliminato l’idea che il bambino non formato avesse bisogno di essere messo in uno stampo rigoroso per essere addestrato. Invece, ha giustamente suggerito che i genitori conoscessero il modo migliore per crescere il loro bambino unico e speciale, scrivendolo esplicitamente nell’introduzione: “Sai più di quanto pensi di sapere”. Questa dichiarazione di apertura è un ottimo consiglio e in linea con la realtà dell’educazione di un bambino. Ma generalmente non era il sentimento che i genitori portavano via dal libro. Dopotutto, sono seguite le oltre 10.000 pagine di consigli dettagliati sui genitori nel suo libro, contraddicendo questa tesi centrale. 

Queste pagine sono state il primo colpo in una guerra di stili genitoriali intensivi. Quello che Spock stava dicendo, senza mezzi termini, era che più cura, contatto e considerazione premurosa un genitore metteva nell’educazione del proprio figlio, meglio quel bambino alla fine sarebbe diventato. E quell’ipotesi fu confermata, o almeno così suggerirebbe la storia. Una generazione di ragazzini cresciuti da Spock, i Boomer, prosperò. Le ragioni, tuttavia, sono legate più alla crescente ricchezza di una nazione e alla comprensione sempre più approfondita della salute dei bambini che ai consigli genitoriali innovativi di un uomo.

“Il dottor Spock scrive il suo grande libro all’indomani della seconda guerra mondiale. Il gruppo più numeroso di bambini stava entrando nella cultura. Abbiamo avuto un’economia in forte espansione e abbiamo avuto l’aziendalizzazione della medicina”, afferma Johnson. In altre parole, i Boomer hanno fatto bene perché avevano un’economia e progressi medici per sostenerli. Eppure, i milioni di seguaci di Spock sosterrebbero che è stato lo stile genitoriale nato dal suo libro che ha portato a risultati migliori per i bambini. 

L’idea che i genitori non possano essere genitori di propria volontà è per certi versi più forte che mai. Uno studio del 2019 del Centro per la popolazione della Cornell University ha rilevato che quando viene presentata una varietà di stili genitoriali, il 75% dei genitori ha affermato che gli stili genitoriali più intensivi erano preferibili. Le prove per questo sono scarse. Uno studio del 2014 pubblicato sulla rivista Psychological Science ha scoperto che le pratiche genitoriali intensive come la risoluzione anticipata dei problemi e l’iscrizione ad attività strutturate non hanno prodotto i risultati desiderati dai genitori. “Sebbene i genitori possano credere che le attività costose e che richiedono tempo siano le chiavi per garantire la salute, la felicità e il successo dei loro figli, questo studio non supporta questa ipotesi”, hanno concluso gli autori.

Inoltre, gli stili genitoriali intensivi come la genitorialità con attaccamento o la coltivazione concertata richiedono enormi investimenti di tempo e denaro. Questi stili genitoriali richiedono che i genitori siano costantemente disponibili e forniscano al loro bambino un assortimento di attività extrascolastiche e sociali per avere successo. Come il consiglio dato nel libro di Spock, la capacità di fare i genitori in quel modo è troppo costosa per molti genitori. I genitori americani sono spinti a seguire stili e norme genitoriali eccessivamente costosi e stressanti, senza prove che producano risultati migliori. Cosa si può fare? Per uno, possiamo prendere una pagina dai genitori al di fuori degli Stati Uniti

Piccoli passi per il bambino, passi da gigante per gli stili genitoriali

“C’è un’enorme diversità nelle culture e nelle sottoculture all’interno delle culture, che forniscono ai loro neonati e bambini piccoli esperienze molto diverse”, afferma lo psicologo Richard Aslin, uno scienziato senior presso gli Haskins Laboratories e in precedenza direttore del Rochester Center for Brain Imaging e del Laboratorio del bambino di Rochester. “Eppure, il 99,9 per cento raggiungerà un’età in cui camminerà. La progressione che attraverseranno è davvero diversa da cultura a cultura”.

Il modo in cui i bambini imparano a camminare non è una considerazione casuale. Camminare è legato al modo in cui un bambino si sviluppa fisicamente e intellettualmente perché la capacità di muoversi ed esplorare è stata collegata alle abilità intellettuali come lo sviluppo del linguaggio. Nel suo articolo intitolato La strada per camminare: cosa imparare a camminare ci dice sullo sviluppo , la ricercatrice Dr. Karen Adolfof dell’Infant Action Laboratory della NYU dice così:

“Nella scienza, nella letteratura, nell’arte e nella religione, camminare eretti separa il bambino dal neonato, l’uomo dalla bestia, la libertà dalla schiavitù e la giustizia morale dalla turpitudine. Non è un caso che gran parte della nostra iconografia evolutiva ritragga la locomozione eretta come il punto finale esaltato sulla strada del progresso evolutivo”

Camminare è una tappa fondamentale nello sviluppo del bambino. Ma ecco il punto: non importa cosa fai come genitore per far camminare un bambino. Le prove si trovano in tutto il mondo. Uno studio del 1976 hanno scoperto che i bambini di alcune tribù del Kenya hanno imparato a camminare un mese prima dei coetanei delle nazioni industrializzate (da circa 10 a 11 mesi) in gran parte perché gli è stato insegnato dai genitori attraverso l’insegnamento e la pratica concertati. I bambini americani, invece, imparano generalmente a camminare tra i 12 ei 16 mesi di età. Ci sono poi i bambini nelle aree rurali del Tagikistan, che sono spesso legati in culle restrittive chiamate gahvoras per i primi 24 mesi di vita e quindi imparano a camminare solo molto più tardi rispetto alle loro controparti occidentali. Tre culture genitoriali estremamente diverse portano a tre risultati esattamente simili: i bambini camminano.

C’è un’incredibile tendenza per i bambini a crescere più o meno allo stesso modo, indipendentemente da dove si trovino o dalle tradizioni culturali che informano su come i genitori interagiscono con la loro prole.

Chiaramente, i genitori possono influenzare il loro bambino ad acquisire abilità in anticipo. Puoi camminare come un keniano a 10 mesi o un tagiki a 24 mesi, ma il risultato generale è lo stesso. Uno studio del 2013 di Zurigo ha scoperto che camminare presto o tardi era un cattivo predittore dei risultati. I ricercatori hanno seguito un gruppo di bambini dal momento in cui hanno imparato a camminare fino ai 18 anni, testandoli regolarmente utilizzando test di intelligenza standardizzati. Hanno scoperto che il tempo in cui un bambino ha imparato a camminare non ha avuto alcuna influenza su quanto sarebbero stati intelligenti in futuro.  

C’è un’incredibile tendenza per i bambini a crescere più o meno allo stesso modo, indipendentemente da dove si trovano o da quali norme e tradizioni culturali informano il modo in cui i loro genitori interagiscono con loro. Questo è vero, anche quando l’interazione è brutta e malsana. 

I bambini mentiranno spesso per proteggere i genitori violenti e torneranno felici da loro nonostante l’abuso. “La capacità di legare con un caregiver è un imperativo biologico così forte che una volta formato un legame, anche con un abusante, è difficile da rompere”, osserva la dott.ssa Regina Sullivan in un articolo del 2010 pubblicato su Cerebrum . “E la devastazione derivante dall’abuso spesso non diventerà pienamente evidente fino a quando il bambino non sarà entrato nell’adolescenza”. 

Questi bambini possono crescere fino a diventare adulti affetti da depressione e problemi di abuso di sostanze più avanti nella vita, ma non smettono di svilupparsi presto. “I bambini sono incredibilmente resistenti. Sono così resistenti che amano i loro genitori abusanti”, afferma Aslin. “È interessante che abbiano questa incredibile capacità di adattarsi alle circostanze ambientali e diventare adulti pienamente funzionanti”. 

Questo è chiaramente un esempio estremo, ma rende il punto: i bambini crescono e crescono indipendentemente dagli stili genitoriali, buoni o cattivi che siano. Sembrerebbe che i bambini siano meno un problema da risolvere che un problema che può risolversi in gran parte da solo. 

Perché questo sarebbe il caso? I ricercatori suggeriscono che è coinvolto un fattore evolutivo. Ha senso che un bambino sia programmato per sopravvivere e crescere. Dopotutto, emergono dal grembo materno completamente indifesi per i caregiver che possono o meno essere all’altezza del compito. Nel suo articolo sull’attaccamento dei bambini ai loro abusatori, la dott.ssa Regina Sullivan si esprime in questo modo: “Il cervello del bambino è in realtà perfettamente sviluppato per svolgere i compiti appropriati ai bisogni di sopravvivenza dell’infanzia. Alcune delle funzioni uniche del cervello del bambino aiutano a spiegare perché un bambino si legherà a qualsiasi caregiver disponibile”.

Questo non vuol dire che l’investimento di un genitore in qualsiasi tipo di stile genitoriale durante l’infanzia sia negativo. Non lo è, è semplicemente facoltativo. Non c’è niente di sbagliato nel fatto che genitori e bambini trascorrano del tempo insieme in attività genitoriali intensive. I bambini amano l’attenzione e la novità. I genitori amano sentirsi utili. In assenza di tutto il resto, queste due qualità sono incredibilmente vantaggiose per la relazione a lungo termine tra figli e genitori. 

Acquisto di stili genitoriali, a costi elevati Great

La genitorialità è stressante in non piccola parte perché mette subito in primo piano il futuro economico del bambino. Pensare a dove andrà a finire un bambino molto prima che queste considerazioni possano contare significa che i genitori sono già coinvolti nella bruttezza competitiva dell’economia moderna. Sì, alcuni genitori potrebbero essere in grado di assumere uno stile genitoriale con il loro bambino semplicemente per il gusto del divertimento e del legame, ma il più delle volte, le pratiche genitoriali intensive durante l’infanzia si basano sull’ansia. Quell’ansia fa sì che i genitori sprofondino nel mondo della genitorialità molto più di quanto sia necessario. 

Decenni dopo la pubblicazione del libro di Spock, i boomers cresciuti su consiglio di Spock iniziarono ad avere figli propri. La grande differenza adesso era che le madri lavoravano. Secondo il centro di ricerca PEW, nel 1967 il 43 percento delle donne sposate con mariti che lavoravano erano madri casalinghe. Nel 1999 tale percentuale era scesa solo al 23 percento. L’ascesa delle madri lavoratrici ha indotto molti esperti e politici a esprimere ansia per i bambini che definivano abbandonati. Questa ansia è stata recentemente evidenziata durante i dibattiti delle primarie presidenziali democratiche quando la candidata Christine Gillibrand ha rimproverato Joe Biden per un editoriale negli anni ’80 in cui suggeriva che le famiglie con doppio reddito stavano causando il deterioramento della famiglia. “In questi giorni non ci prendiamo cura delle nostre famiglie”, ha affermato Biden. Vogliamo che qualcun altro si assuma questa responsabilità”.

“Le madri americane lavorano più delle donne degli anni ’70, ma trascorrono anche tre volte il tempo con i loro figli. Significa solo che dormono meno e sono più stressati”.

La storica Bethany Johnson nota che tutto il trambusto ha portato le madri a mettersi sulla difensiva. C’era la sensazione che dovessero essere in grado di fare tutto. “Le madri hanno iniziato ad assumersi il compito di dimostrare, attraverso il loro metodo genitoriale, che stavano facendo un buon lavoro”, spiega Johnson. “Hai la mamma tigre, la mamma elicottero e l’attaccamento genitoriale”.

Questi stili genitoriali, vagamente basati sui precetti del Dr. Spock e dell’industria di consulenza per bambini da lui generata, non hanno spostato l’ago per i bambini. Si sono sviluppati come avrebbero fatto. Hanno imparato a camminare. Ma ha aiutato a dare ai genitori un senso di libertà, ha offerto ai misogini la prova che le mamme potevano mantenere un lavoro ed essere brave mamme, e ha stressato i genitori a morte. Quei genitori che erano abbastanza benestanti e avevano abbastanza tempo potevano investire in stili genitoriali intensivi con l’idea di dare al loro bambino un inizio migliore. Chi non lo era ha dovuto lavorare di più, in ufficio ea casa. 

“Stiamo preparando i genitori al fallimento costruendo questa tensione attorno a ciò che sta accadendo ai nostri figli e dando loro modelli impossibili da riempire”, afferma Johnson. “Le madri americane lavorano più delle donne degli anni ’70, ma trascorrono anche tre volte il tempo con i loro figli. Significa solo che dormono meno e sono più stressati”.

È un modo di essere genitori che può essere fatto risalire a Spock, un modo di crescere i bambini che non ha alcun supporto scientifico. I bambini si svilupperanno e cresceranno. Gli stili genitoriali non contano. 

“In realtà ciò che ha funzionato meglio nel corso della storia è rispondere ai bisogni di un bambino”, afferma Johnson. “Fai del tuo meglio nel momento in cui ti trovi. Trova qualcosa che sia giusto per te e la tua famiglia. Ci sono molte cose sotto “ciò che sembra giusto” che è salutare per tuo figlio. Non c’è un approccio supremo perché ci sono esseri umani coinvolti e gli umani sono diversi”.  

Quindi, mentre i genitori possono essere ossessionati dal loro stile genitoriale, si scopre che probabilmente non importa a lungo termine. Non finché la base per quello stile genitoriale è semplicemente essere lì per tuo figlio. 

I tubi auricolari sono una truffa? No, ma il tango per timpanostomia è una danza.

Smetti di spendere soldi per l’arredamento della scuola materna