in

Dobbiamo somministrare glutine ai bambini a rischio di celiachia?

Poiché più dati …

… su quando è diventato disponibile il cibo altamente allergenico, la domanda su quando e come introdurre il glutine si pone frequentemente. Il glutine si trova nei cereali contenenti grano, segale e orzo. Negli ultimi decenni, c’è stato un crescente interesse per la celiachia, l’allergia al grano e la sensibilità al glutine, i diversi tipi di condizioni associate all’intolleranza al glutine. Ecco le risposte a sei domande frequenti relative all’introduzione del glutine nel tuo bambino!

Quando posso iniziare a introdurre solidi nella dieta di mio figlio?

In generale, i bambini sono pronti per lo sviluppo a iniziare i  cibi solidi  tra i 4-6 mesi. Per la maggior parte dei bambini, non importa quali siano i primi cibi solidi. Tradizionalmente vengono introdotti per primi i cereali per l’infanzia fortificati con ferro singolo (p. Es., Avena), frutta, verdura e carne. Una volta che il tuo bambino ha imparato a mangiare alcuni primi alimenti, puoi dargli gradualmente altri alimenti, inclusi cibi ad alta allergia come prodotti contenenti grano e orzo.

Quando dovrei introdurre il grano nella dieta di mio figlio?

Non ci sono prove coerenti che l’attesa per introdurre o limitare gli alimenti che causano allergie come il grano o altri cereali contenenti glutine (p. Es., Segale o orzo) oltre i 4-6 mesi di età prevenga l’allergia alimentare o l’insorgenza della celiachia. Il grano può essere introdotto più comunemente sotto forma di cereali per l’infanzia, ad esempio come grano o cereali multicereali.

Quanto glutine dovrei dare al mio bambino?

I dati non sono conclusivi. Uno studio del 2019 ha riportato che c’era un’associazione tra i bambini a rischio a cui era stata diagnosticata la celiachia quanto più glutine mangiavano prima dei 5 anni. Uno studio più recente ha esaminato la quantità di glutine somministrata esclusivamente ai neonati allattati al seno. I risultati hanno mostrato che quelli dati in media 2,88 g di glutine o l’equivalente di 1-2 fette di pane a settimana di glutine a partire da 4-6 mesi avevano una minore prevalenza di celiachia rispetto a quelli a cui veniva somministrato meno glutine a partire da 6 mesi della vita. Questi risultati devono essere ulteriormente studiati per vedere se il consumo precoce di alte dosi di glutine può essere utile, almeno nei neonati allattati esclusivamente al seno, nella prevenzione della celiachia.

Sulla base di questi dati, l’attuale raccomandazione per i neonati a rischio è di consumare in media meno di 5 grammi di cibo contenente glutine al giorno a partire da circa 4-6 mesi e continuando fino a 2 anni di vita.

E gli altri cibi ad alto contenuto di allergia?

Un importante studio del 2015 ha mostrato che l’introduzione precoce (tra 4 e 12 mesi) e l’alimentazione regolare di alimenti comunemente associati ad allergie, in particolare alle arachidi, possono essere utili per prevenire un’allergia. È importante discutere i tempi di introduzione con il pediatra di tuo figlio poiché alcuni bambini potrebbero aver bisogno di vedere un allergologo pediatrico prima di introdurre le arachidi.

Quali segni dovrei cercare quando introduco il glutine nella dieta del mio bambino?

I sintomi tipici includono dolore addominale, diarrea, irritabilità, scarso aumento di peso e crescita lenta. È normale che tu noti un cambiamento nei movimenti intestinali o un aumento del gas con l’introduzione di nuovi alimenti, quindi continua a monitorare i sintomi.

Quando mio figlio dovrebbe essere sottoposto a test per la celiachia?

La celiachia può manifestarsi subito dopo che un bambino ha avuto la sua prima ciotola di cereali per neonati contenenti grano, ma in alcuni casi i sintomi sono così lievi che la condizione può essere trascurata per anni e una diagnosi potrebbe non essere fatta fino all’adolescenza o addirittura età adulta. Nei bambini con rischio normale, circa l’1%, di sviluppare la celiachia, lo screening dovrebbe avvenire solo se un bambino sviluppa sintomi. Per le persone ad alto rischio, compresi quelli con una storia familiare di celiachia, i bambini con sindrome di Down, Turner e Williams oi bambini con diabete di tipo I, dovrebbero essere regolarmente sottoposti a screening a partire dai 2-3 anni di vita o prima se si sviluppano i sintomi.

Un sentito ringraziamento al Dr. Anthony Porto, MD per aver condiviso la sua esperienza su questo argomento. Anthony è Professore Associato di Pediatria e Capo Associato di Gastroenterologia Pediatrica presso l’Università di Yale. È il direttore medico del Programma celiaco pediatrico di Yale. Vede pazienti a Greenwich, Norwalk e New Haven, CT. Ha vinto numerosi premi tra cui il Norman J. Siegel Award presso la Yale University nel 2015 per la leadership e la fornitura di cure cliniche eccezionali, nonché come Medico dell’anno durante il suo periodo al Morgan Stanley Children’s Hospital. È stato nominato Castle Connolly Top Doctors dal 2012.

Anthony è interessato alla nutrizione, in particolare alla cura dei bambini con difficoltà di aumento di peso, problemi di alimentazione e celiachia. È coautore della Guida per pediatri all’alimentazione di neonati e bambini piccoli (link di affiliazione) e contribuisce con articoli a numerose società mediche nazionali, blog sulla salute in linea e testate giornalistiche. 

6 cose da fare se la gravidanza non arriva

Il mio impegno per la giustizia, l’equità, la diversità e l’inclusione