in

Di solito, il bambino si adatta al bacino in posizione di nascere prima della 37a o 38a settimana di gestazione.

Normalmente, il 95% dei bambini viene posto per nascere in una posizione cefalica, cioè a testa in giù, con il mento appoggiato sul petto, i glutei in alto e le gambe e le braccia flesse e attaccate al corpo. Di tutte le posizioni esistenti del bambino da nascere, questa posizione è la più naturale, in quanto facilita il passaggio del bambino attraverso il canale del parto e, dal punto di vista medico, la posizione cefalica è anche la migliore per nascere, poiché la testa apre la strada al passaggio del corpo e facilita l’espulsione del bambino.

Come vengono posizionati i bambini per il parto

Quando il bambino viene posto in una posizione cefalica poco prima della nascita, il parto è di solito naturale e vaginale. Tuttavia, il bambino può anche adottare altre posizioni all’interno dell’utero che possono richiedere il parto con taglio cesareo.

Pertanto, il bambino può essere podalico, in posizione trasversale, viso o fronte, impedendo che il parto avvenga per via vaginale.

La posizione finale che il bambino ha preso per nascere non sarà nota fino all’ultimo momento. Sebbene nelle ultime settimane che precedono il parto, il ginecologo possa visualizzare la posizione del bambino attraverso un’ecografia, ci può sempre essere un cambiamento di piani all’ultimo minuto. È vero che un bambino di nove mesi ha poco spazio per muoversi all’interno dell’utero, ma lo fa ancora.

Il liquido amniotico gli consente di cambiare la sua postura con una certa facilità e muoversi all’interno del sacco amniotico, anche se a causa del suo maggiore peso e altezza, la sua attività diminuisce, specialmente nelle ultime settimane di gestazione. Inoltre, quando iniziano le contrazioni e il travaglio, molti bambini che provengono dai glutei o in un’altra postura adottano la posizione cefalica per nascere. Pertanto, fino all’ultimo momento non è davvero deciso se il bambino nascerà vaginalmente o con taglio cesareo.

Le statistiche mostrano che la maggior parte dei bambini, il 95 per cento, sono posti in una posizione cefalica per nascere e quelli che adottano posture inadeguate sono di solito i meno. Le circostanze che impediscono il posizionamento improprio del bambino da nascere sono nascite premature e gemelli. Nel caso di neonati prematuri, di solito non vengono posizionati perché nasceranno prematuramente. Nelle gravidanze gemellari, i bambini sono solitamente posti in una posizione cefalica e in una posizione podalica per guadagnare spazio all’interno dell’utero.

5 posture del bambino che nasce di parto

1. Testa leggermente flessa
Un bambino su 100 ha questa posizione alla nascita e di solito appare spontaneamente durante il parto. È un’altra versione della posizione cefalica, ma la variante è che il bambino non ha il mento attaccato al petto e, mantenendo la testa poco flessa, rende difficile uscire. Il travaglio può svilupparsi vaginalmente, ma sarà più lento perché il cranio preme sull’osso sacrale della madre sforzandosi di uscire e causando mal di schiena alla madre.

2. Posizione cefalica

È la posizione naturale che il 95% dei bambini adotta per nascere. Facilita il lavoro di espulsione alla madre perché la testa offre, in primo luogo, la corona che ha il diametro più piccolo per l’uscita della testa e, a sua volta, questo apre la strada attraverso il canale del parto al resto del corpo.

Il parto di solito avviene per via vaginale, con poche eccezioni: se la testa del bambino è troppo grande per attraversare le ossa del bacino materno o se c’è una ragione materna che lo impedisce come la malattia cardiaca materna, la dilatazione insufficiente o la difficoltà a spingere …

3. Viso o fronte

È una posizione molto insolita, si verifica solo nello 0,3% dei casi e di solito si verifica quando ci sono malformazioni uterine. È una versione della posizione cefalica in cui il bambino è a faccia in giù, ma invece della corona, è il viso o la fronte che guarda fuori dal canale del parto.

In questa posizione, il bambino ha la testa un po ‘sollevata rendendo difficile l’espulsione. Poiché la testa non è flessa sul petto, il diametro che offre è troppo grande per passare attraverso le ossa pelviche. Un taglio cesareo è di solito il metodo di scelta in questi casi.

4. Posizione podalica o podalica

È la più frequente, tra le altre possibili alternative alla posizione cefalica. In questo caso, i glutei, i piedi o entrambi allo stesso tempo appaiono attraverso il canale del parto.

I bambini di solito adottano questa postura quando hanno un cordone ombelicale troppo corto, la placenta invece di essere nella parte superiore dell’utero, è in basso (come nella fotografia) o l’utero ha qualche malformazione.

Nella maggior parte di questi casi, di solito viene eseguito un taglio cesareo. Tuttavia, se la madre ha già partorito prima, il suo bacino è largo e la testa del suo bambino è piccola, può partorire vaginalmente..

5. Posizione trasversale

Questa posizione è molto rara, in quanto si verifica solo nello 0,4% delle gravidanze. In questo caso, il bambino viene presentato sdraiato in posizione orizzontale o incrociata. Generalmente, è necessario ricorrere al taglio cesareo, poiché l’espulsione vaginale diventa impossibile. Tuttavia, al momento di iniziare le contrazioni, questi bambini si girano e di solito sono posti in posizione cefalica. Per questo motivo, è preferibile attendere fino all’ultimo momento prima di determinare se il parto debba essere eseguito con taglio cesareo.

Sintomi di nascita che indicano che il bambino nascerà

Quali sintomi possono indicare che il travaglio sta iniziando? Conosci i segni più comuni che il tuo bambino sta per nascere:

1. Dilatazione o quando la cervice inizia ad aprirsi. Il medico misurerà la dilatazione in centimetri da zero a 10.

2. Aumento delle perdite vaginali chiare, rosa o sanguinolente medie. Questo di solito si verifica alla fine del terzo trimestre, quando il tappo di muco (che impedisce ai batteri di entrare nell’utero), scende nella vagina.

3. Posizionamento del bambino o quando si nota che il bambino inizia a muoversi e adattarsi alla parte inferiore dell’utero. La pancia della donna incinta è solitamente abbassata.

4. Assottigliamento o cancellazione della cervice. È quando la cervice diventa più sottile e più sottile. Ciò può portare ad alcune contrazioni.

5. Rottura del sacco amniotico o quando si rompe la membrana della sacca fluida che ammortizza e protegge il bambino nell’utero. Quando ciò accade, senti una costante goccia di liquido che esce dalla vagina. In questo caso, devi andare immediatamente in un centro medico.

6. Contrazioni o dolori del travaglio. Conosciuto per le contrazioni di Braxton-Hicks, è quando l’utero si contrae e si rilassa, causando molto dolore alla donna incinta. Il medico guiderà la donna incinta circa il tempo e la durata delle contrazioni e quando la donna dovrebbe andare al centro medico.

101 nomi di ragazze che iniziano con la lettera C

Ottavo mese di gravidanza – Cosa succede nel mese 8 per il bambino e la donna incinta