in

Costruire la resilienza: 4 modi per aumentare la fiducia e le capacità di coping di tuo figlio

Suggerimenti da uno specialista in medicina per adolescenti

Non puoi promettere a tuo figlio una vita senza stress, non è così che funziona. Ma puoi aiutarli a capire che il modo in cui gestiscono i problemi può intensificare lo stress o rilasciarlo.

“I genitori possono aiutare gli adolescenti a sviluppare competenze e accumulare strumenti per trasformare i limoni in limonata”, afferma la specialista in medicina per adolescenti Ellen Rome, MD, MPH .

“Ma niente è importante quanto quello che i tuoi figli ti vedono fare ogni giorno, quindi è importante essere un buon modello”.

Qui, il Dr. Rome condivide cinque strategie per aumentare la resilienza di tuo figlio:

1. Aiuta i tuoi ragazzi ad affrontare i problemi in piccoli pezzi

“Se hai 87 miliardi di fattori di stress , quali sono i primi tre e su quale puoi lavorare oggi?” lei dice. Se i compiti ti sembrano opprimenti, suggerisci a tuo figlio di creare elenchi e scadenze e spuntare ogni compito man mano che viene completato.

Incoraggia gli adolescenti a raccontarsi una storia positiva su ciò che sta accadendo perché visualizzare il successo può aumentare le probabilità di un buon risultato.

“Se ti permetti pensieri controproducenti, puoi trasformare quei pensieri nella tua realtà”, afferma il dott. Rome.

I genitori possono anche fare da modello usando la preghiera della serenità, dice. Questo insegna agli adolescenti come discernere cosa può e cosa non può essere cambiato in una situazione; e come accettare ciò che è al di fuori del loro controllo.

“A volte, evitare lo stress che è evitabile è di per sé un punto di forza”, osserva il dott. Rome. “I bambini in situazioni stressanti dovrebbero sapere quando vale la pena andarsene.”

2. Imposta limiti amorevoli — con grandi aspettative

“Sii molto chiaro sul fatto che vuoi che i tuoi figli lavorino duramente per dare il meglio di sé”, afferma il dott. Rome. “I bambini saranno all’altezza o saranno all’altezza delle nostre aspettative.”

Se ti concentri sulle A che i tuoi ragazzi portano a casa, vedrai più A; se ti concentri sui C, i C possono arrivare fino ai B, ma anche gli A possono scendere. Enfatizzare gli aspetti positivi e coglierli nel fare qualcosa di giusto tende a funzionare meglio.

Loda il duro lavoro piuttosto che i risultati. “Dì a tuo figlio: ‘Ho visto quanto hai lavorato duramente per quei voti – che bel modo di organizzarti per farlo!'”, consiglia.

Quando devi criticare, prendi di mira un comportamento: è più facile da cambiare che un atteggiamento.

“Alcuni ragazzi etichettati come ‘pigri’ potrebbero non fare sforzi per paura di deluderti”, afferma il dott. Rome. “Quell’etichetta li fa solo sentire peggio con se stessi – e arrabbiati per non essere visti per quello che sono.”

Dì a tuo figlio che sai che gli importa di fare bene e che vuoi capire meglio cosa lo mette a disagio quando si impegna di più. Lei suggerisce di dire:

  • “È qualcosa che ho detto o fatto? Cercherò di rimediare”.
  • “Sei troppo sotto pressione? Sono qui per sostenerti”.
  • “Hai perso fiducia in te stesso per qualche motivo? Troviamo un modo per aiutarti a ricostruirlo”.

“Se ascolti bene, i tuoi figli impareranno a parlarti”, afferma il dott. Rome. “Se li lasci vincere quando presentano un argomento valido, ti guadagnerai il privilegio di continuare ad ascoltare i loro pensieri”.

3. Suggerisci sbocchi sani per le emozioni

Quando gli adolescenti si arrabbiano, il sistema nervoso che innesca la risposta di lotta o fuga prende il sopravvento.

” Lo yoga , la meditazione e la respirazione profonda possono aiutare gli adolescenti ad attivare l’altro sistema nervoso, che interrompe la risposta allo stress”, afferma. “Possono anche aiutare gli adolescenti ad acquisire padronanza e concentrazione”.

Visualizzare un “luogo felice” di loro scelta può aiutare gli adolescenti a rilassarsi ovunque, anche per strada o nel bel mezzo della classe. Così è possibile visualizzare un quadrato e inspirare lungo due lati di esso, quindi espirare lungo gli altri due lati.

Altri sbocchi salutari per affrontare le emozioni includono:

  • Affrontare il “disturbo da deficit di natura” e fare una passeggiata .
  • Ascoltare musica o leggere un romanzo.
  • Creare qualcosa: scrivere poesie, fabbricare ceramiche, suonare musica.
  • Attingere alla spiritualità attraverso la preghiera e la meditazione .
  • Collegamento con buoni amici.

Le ragazze adolescenti hanno anche un’arma segreta: l’ormone ossitocina. “L’ossitocina dà alle donne una spinta fisiologica a connettersi; ci fa venire voglia di prendere un caffè e parlare”, spiega il dott. Rome. (Tuttavia, la connessione a telefoni, tablet o altri dispositivi elettronici può amplificare il malumore di un adolescente.)

Se una relazione sta preoccupando tuo figlio, dire “passala e basta” o “non farne un problema così grave” non funziona. “I sentimenti non sono il nemico”, osserva.

È utile chiedersi come ti sentirai di fronte a una situazione difficile domani, o la prossima settimana o l’anno prossimo.

I genitori possono mostrare agli adolescenti come riavviare una relazione importante.

“Puoi imitare come scusarti prima, senza spiegazioni o scuse, in tutte le tue relazioni”, afferma il dott. Rome. “Puoi dire: ‘Mi dispiace, non so cosa ho fatto per farti arrabbiare. C’è qualcosa che posso fare per sistemare le cose?’”

4. Incoraggia i tuoi ragazzi a contribuire

Cercare di rendere il mondo un posto migliore è piacevole. “È difficile continuare a sentirsi male con te stesso quando aiuti altre persone”, afferma il dott. Rome.

“Contribuire al mondo costruisce competenza, fiducia, connessione e carattere”, afferma. “Insegna agli adolescenti che le loro decisioni e azioni possono fare la differenza nelle loro circostanze, che hanno il controllo sui loro destini”.

Quindi fissa grandi aspettative per te e per i tuoi ragazzi. Aiutali a fare scelte salutari. Consenti loro di vedere se stessi come studenti, non come falliti.

“Tu e i tuoi figli siete importanti; siamo tutti insieme in questo”, afferma il Dr. Rome. “Dai valore a tuo figlio e poniti limiti amorevoli. Fornisci loro un porto sicuro e guidali quando la loro sicurezza o la loro morale sono a rischio”.

Scoprirai che tuo figlio sta diventando resiliente: dorme bene, mangia bene, sorride, ride e prospera.

I bambini più piccoli della classe hanno maggiori probabilità di avere l’ADHD

Come aiutare il tuo bambino o il tuo bambino a liberarsi dal naso chiuso