in

Come sto affrontando il coronavirus: Jeff Sharlet è bloccato nel suo ufficio

Come molti americani, il famoso giornalista politico Jeff Sharlet ha un problema al cuore. Come molti americani, sua moglie ha la tosse. Sai cosa succede dopo.

Jeff Sharlet scrive di cosa credono gli americani , cosa fanno gli americani e come una cosa informa l’altra. Sharlet ritiene, tra le altre cose, di avere un rischio elevato di morire di coronavirus a causa di un evento cardiaco. Ci crede perché ha lavorato abbastanza a lungo intorno alle comunità religiose marginali: è il più famoso autore di The Family: The Secret Fundamentalism at the Heart of American Power , un’indagine su una cospirazione evangelicasmantellare i programmi del governo, avere un sano rispetto per la scienza e gli scienziati. Quando si tratta di medici, fa quello che gli viene detto. E, in questo momento, questo significa sedersi in una stanza da solo mentre suo figlio, sua figlia e sua moglie vivono le loro vite dall’altra parte della porta.

È successo così: sua moglie e sua figlia hanno avuto lievi sintomi simil-influenzali fino a venerdì sera, quando sua moglie ha iniziato a soffrire di mancanza di respiro. Sono andati in un sito di test drive-thru. È stata messa alla prova. Sua figlia è stata sottoposta al test. Alla fine, è stato testato, nonostante non avesse sintomi.

“Il consiglio che abbiamo ricevuto è stato che se qualcuno ha mostrato sintomi dovrebbe essere messo in quarantena”, afferma Sharlet, proprietaria di quello che potrebbe essere l’account Instagram più interessante di questo paese. “Se mettessimo in quarantena mia moglie e mia figlia, giocherei ancora con mio figlio di 6 anni che presumibilmente sarebbe un portatore. Quindi in questo momento sono nel mio ufficio a casa, che ha un bagno, con un mucchio di cibo secco”.

Quindi eccolo lì, un autore estremamente abile e moderatamente famoso, collaboratore di Rolling Stone e contestualizzatore politico ed è semplicemente… bloccato. È solo e anche non solo. Ci sono molti genitori che finiranno in situazioni simili. Ci sono molti genitori che lo hanno già fatto. In quanto tale, Fatherly ha parlato con Sharlet di come sta affrontando la situazione e di come sta considerando la sua situazione in termini personali, storici e sociali.

La cosa ovvia da dire all’inizio è che la tua situazione suona di merda. Come te la cavi?

Sto cercando di fare il genitore da dietro una porta chiusa. Sto gridando “Cosa sta succedendo lì dentro?”

Devo ammettere che la mia autorità è stata diminuita.

È una cosa curiosa, ma molti uomini – forse i padri più di tutti – sembrano riluttanti a discutere della loro salute, tanto meno a metterla al primo posto. Spiegano come stanno aiutando i loro figli o le loro mogli, ma c’è una sorta di disconnessione personale. Senti qualche tensione lì? Prendersi cura di sé è scomodo?

In genere non mi piace pensare in termini di genere in questo modo, ma penso che tu abbia ragione. Penso che gli uomini lottino con questo. Nella mia famiglia è solo un po’ invertito. Mia moglie ha più del negazionismo tipicamente maschile. Con i miei amici e la mia famiglia nelle settimane successive a questo, ho parlato principalmente con le amiche del fatto che i mariti non prendessero la cosa abbastanza sul serio. A casa mia succede solo il contrario.

Penseresti che ci sarebbe qualcosa negli uomini che vogliono prepararsi per il disastro, ma la loro gestione dell’ansia sembra incentrata sulla diminuzione e la minimizzazione. Penso che sarei lo stesso se non fosse per la mia condizione, ma eccoci qui.

La tua salute, non quella dei tuoi figli, è la preoccupazione principale della tua famiglia, e giustamente. Ti sembra strano considerarti una priorità del genere?

L’obiettivo di mia madre era vedere mia sorella e io diplomarci al liceo, ma è morta a 47 anni. Non ce l’ha fatta. Quando ho avuto il mio attacco di cuore, ho pensato… di portare i miei figli al liceo. Questo significa 59. Quindi questo è il fulcro della mia salute. Prendo decisioni in base a quell’idea. Questo è ciò che mi ha reso facile iniziare a correre e diventare vegetariano. Lo farò.

Data questa mentalità e anche la tua storia di reportage su elementi marginali, mi chiedo cosa pensi delle persone che minimizzano questo.

Guardare questo è come guardare un lento 11 settembre con diversi milioni di persone che interpretano il ruolo dei dirottatori. Dovremmo fare fotografie spettrali come nel 19° secolo, così possiamo avere fotografie di persone che escono e vedono i fantasmi delle persone che stanno uccidendo. Le persone che ignorano questa minaccia affermano fermamente che non fanno parte della comunità amata, ma della società odiosa. Questo non è limitato alla destra. Questa è l’esperienza di scambiare l’egoismo per coraggio.

Quella cosa del coraggio è sicuramente parte del dialogo su questo tema. La gente vuole essere coraggiosa, ma quel coraggio sembra assumere la forma di una sorta di generosità male informata. L’hai sperimentato?

Penso che – e mi sento strano a dirlo perché sono una persona per lo più sana – un sacco di abilità. C’è un’assunzione di salute che crea un certo disprezzo per le persone che non sono facilmente identificabili come a rischio o malate o altro. È una specie di paternalismo ignorante. Insegno in un college. Stiamo pensando agli studenti. Stiamo parlando degli studenti. Ma alcuni di noi hanno condizioni sottostanti. E noi diciamo, ‘Hmmmm, rallenta. Siamo preoccupati anche per noi stessi.’

Penso che tendiamo a costruire piani su ipotesi.

A cosa stai pensando dietro quella porta? Su cosa costruirai il tuo prossimo piano?

Ci saranno così tanti danni. Questo sarà un evento estremamente traumatico. Vedo persone che pubblicano che ne usciremo più forti e non lo siamo. Saremo più deboli e forse più saggi. Quindi, non sto cercando di fingere che andrà tutto bene. Ma probabilmente saremo ancora vivi. È piuttosto buono.

Sei un cinico allegro. Come qualcuno che ha riferito sull’attuale amministrazione, suppongo che tu abbia qualche prospettiva sulla preparazione e sulla risposta dell’America a questa crisi.

Mio padre era un sovietologo, un lavoro che non esiste più. Mi ha raccontato una storia a cui penso molto. Potrebbe essere apocrifo ma è profondo. Verso la fine dell’Unione Sovietica non potevano fare affidamento sul loro biglietto aereo per prendere il volo perché gli uomini nelle basi dell’aeronautica avevano capito come distillare il carburante in vodka di contrabbando. Quindi non c’era più carburante. La verità è che l’incompetenza spiega più di quanto le cospirazioni mai faranno o avranno mai.

Allora, cosa ti aspetta nei confini del tuo ufficio?

Ho un libro fuori ora. Ho appena cancellato la seconda metà del tour del libro. Questa è l’unica pubblicità che riceverò. Si intitola This Brilliant Darkness: A Book of Strangers . È basato sul mio Instagram ed è buono. Spero che qualcuno lo legga.

I migliori termometri per bambini misurano la temperatura del tuo bambino – e questo è tutto

Coronavirus e bambini: i medici rispondono alle domande dei genitori sul COVID-19