in

Come COVID-19 complica la gravidanza, anche se non hai il virus

“Semplicemente perché non è probabile che siano gravemente infetti non significa che non siano colpiti”.

Il COVID-19 sta mettendo a dura prova il sistema sanitario. Gli ospedali stanno esaurendo i dispositivi di protezione individuale e i ventilatori e molti medici hanno annullato appuntamenti e interventi chirurgici non essenziali. La gravidanza , tuttavia, non può essere posticipata. Sebbene gli esperti temono che le donne incinte e i neonati possano ammalarsi gravemente del nuovo coronavirus, il rischio probabilmente non è così alto, afferma Neel Shah, professore di ostetricia, ginecologia e biologia riproduttiva alla Harvard Medical School. Ma il virus è ancora un grosso problema per le donne incinte e i neonati. “Semplicemente perché non è probabile che siano gravemente infetti non significa che non siano colpiti”, dice Shah.

Anche le famiglie sane dovranno affrontare le sfide della gravidanza di fronte al COVID-19. Potrebbe essere più difficile consultare un medico per i controlli prenatali e le sale parto potrebbero limitare il numero di visitatori ammessi. Alcune donne stanno passando ai parti in casa per limitare il rischio di infezione dagli ospedali, ma cambiare il tuo piano di nascita può comportare una serie di altri rischi. Ecco cosa devi sapere per tutte le fasi della gravidanza durante la pandemia.

COVID-19 e cure prenatali 

Per tenere le donne incinte fuori dagli studi medici dove potrebbero essere esposte al COVID-19, alcuni medici si stanno spostando online. Le visite di telemedicina sono sufficienti per la maggior parte dei check-in, afferma Denise Jamieson , presidente di ginecologia e ostetricia presso la Emory University School of Medicine. I medici possono anche chiedere alle donne in gravidanza di monitorare il proprio peso, la pressione sanguigna e la glicemia a casa. Se una donna ha bisogno di una visita in ufficio, può fare un’ecografia e un lavoro di laboratorio in un unico luogo alla volta per limitare l’esposizione. Le nuove linee guida dell’American Journal of Obstetrics & Gynecology MFM raccomandano che le donne incinte lascino a casa le persone di supporto durante le visite di persona.

Le donne incinte possono anche vedere una diminuzione degli appuntamenti prenatali, ma non ci sono molte prove scientifiche a sostegno dell’elevato numero di visite che le donne a basso rischio di solito hanno comunque. Le donne ad alto rischio come quelle con diabete, sono anziane o che aspettano gemelli potrebbero aver bisogno di più visite di persona. Questo potrebbe diventare difficile se gli Stati Uniti devono affrontare una carenza di operatori sanitari. Diverse regioni si stanno preparando alla scarsità di fornitori, ad esempio, ritirando gli operatori sanitari dal pensionamento o laureando in anticipo gli studenti di medicina . Gli ospedali si stanno anche preparando a richiamare specialisti, che potrebbero includere ostetrici, per lavorare nelle cure di emergenza per i pazienti COVID-19.

COVID-19, del lavoro, e la consegna

“I sistemi sanitari stanno assicurando che le unità di travaglio e parto mantengano i più alti standard di controllo delle infezioni”, afferma Jamieson. Alcuni ospedali, ad esempio, stanno limitando il numero di visitatori che le donne incinte possono avere in sala parto. A molte donne è concesso solo uno, quindi devono scegliere tra un coniuge, un membro della famiglia o una doula. Alcune future mamme stanno facendo piani alternativi, come videochiamare le loro doule per il supporto durante il travaglio e il parto.

Due sistemi ospedalieri a New York, Mt. Sinai Health System e New York-Presbyterian si sono mossi per non consentire a nessun visitatore di entrare nelle sale travaglio e parto. Lo Stato di New York ha bocciato questa mossa . Dopo tutto, è stato dimostrato che il supporto continuo da parte di un professionista come un’ostetrica o una doula porta a un travaglio più breve e a un bambino più sano alla nascita. Secondo una recensione di un esperto, il sostegno di un amico o di un familiare aumenta la soddisfazione complessiva di una donna per la sua nascita . “E’ l’ideale avere un sostegno per le lavoratrici. Tuttavia, questi sono tempi senza precedenti”, afferma Jamieson. Tuttavia, “a seconda di dove si trova la tua area locale in termini di numero di casi e prevalenza, potrebbe effettivamente essere più sicuro non avere persone di supporto”. Dopo il parto, le donne possono esseremandati a casa prima del solito per evitare infezioni e liberare letti d’ospedale.

COVID-19 e vita post- partum

Anche nelle migliori circostanze, il periodo postpartum sta provando per le nuove madri. La pandemia probabilmente peggiorerà le cose. Anche i genitori sani pronti a legare con il loro bambino sono tagliati fuori dal resto del mondo. “Le mamme e i loro bambini dovrebbero essere messi in auto-quarantena a casa”, dice Jaimeson. I nonni e altri parenti non dovrebbero incontrare il nuovo membro della famiglia faccia a faccia per il momento. I neonati fino a sei settimane sono soggetti a tutti i tipi di infezioni, afferma Jamieson, “ma penso che sia ancora più importante durante questa era di COVID che mamme e bambini limitino davvero il contatto”. 

La solitudine della quarantena può basarsi su altri problemi emotivi che le donne sperimentano dopo la nascita. L’ottanta per cento delle madri sperimenta il “baby blues”,compresi sintomi di sbalzi d’umore, tristezza, ansia, perdita di appetito e difficoltà a dormire che di solito durano da due a cinque giorni ma possono durare fino a due settimane. I sintomi che durano per più di due settimane sono probabilmente la depressione postpartum, per la quale le neomamme dovrebbero sottoporsi a screening di routine. Le madri possono essere sottoposte a screening e ricevere altri controlli postnatali tramite la telemedicina. Proprio come tutti gli altri, dovrebbero anche pensare a come combattere la solitudine durante la quarantena. “Le donne dopo il parto devono pensare attentamente alle strategie di coping su come rimanere in contatto”, afferma Jamieson. In poche parole, non è un momento facile per avere un figlio e contattarlo – tramite chat video, testo o e-mail – farà molto per renderlo più sopportabile e, soprattutto, una celebrazione.

Cari genitori in quarantena per coronavirus, ora avete un solo lavoro

Allattamento misto: cos’è e come funziona