in

Come aiutare i tuoi figli (o adolescenti) a trovare l’equilibrio con lo sport, la scuola e la vita familiare

Contrastare lo stress e bilanciare le priorità

Conosci il trapano (forse fin troppo bene). Tua figlia va a scuola alle 6:30 ed esce dalla porta in un lampo. E dopo che suona la campanella del congedo, è ora di stipare i compiti e mangiare un boccone. Poi c’è ginnastica fino alle 8:30 ogni sera (beh, quando arrivi a casa sono davvero le 21:00 passate). E ripeti.

La psichiatra infantile e adolescenziale Molly Wimbiscus, MD , riconosce prontamente: “Le famiglie amano lo sport, ma i genitori devono solo essere consapevoli dello stress che può causare e fare il possibile per aiutare i loro figli a bilanciare le priorità”.

Qui, il Dr. Wimbiscus fornisce alcuni consigli su come le famiglie possono fornire quell’equilibrio tra sport, famiglia e vita accademica.

D: Ritiene che la gestione delle attività sportive sia un problema per le famiglie?

R: Sì, specialmente per le famiglie coinvolte in squadre sportive itineranti, competizioni multiple e allenamenti più che settimanali. L’impegno di tempo e l’interruzione delle attività serali e del fine settimana possono essere un vero problema.

D: Allora, quali sono i vantaggi dell’essere coinvolti nello sport?

R: Ci sono molte cose positive nell’essere coinvolti nello sport, tra cui la socializzazione con i coetanei, il senso di appartenenza, la soddisfazione nella padronanza delle abilità, l’apprendimento della buona sportività e il duro lavoro per un obiettivo personale e di gruppo. E, naturalmente, rimanere attivi. Con l’obesità infantile un problema e 1 bambino su 3 che non fa abbastanza esercizio, è una buona cosa quando i bambini si dedicano allo sport.

D: Quali sono i principali svantaggi che vedi quando parli con i bambini?

R: Può essere estenuante se un bambino è troppo coinvolto in attività sportive. Può interferire con il successo scolastico e causare stress. A volte l’attenzione alla competizione atletica può superare il valore dell’attività sportiva. Può anche interferire nella vita familiare, nelle attività serali, nella diversità delle attività e nella padronanza in altre aree. E può facilmente iniziare a interferire negli orari del sonno se i bambini hanno pratiche serali e devono finire i compiti. Questo è il motivo per cui è così importante essere disciplinati nel rispettare un programma con le pratiche, i compiti e l’ora di andare a letto .

D: In che modo i genitori possono aiutare i propri figli a rimanere in salute?

R: Monitora sempre il loro funzionamento nelle sfere accademiche, sociali ed emotive. Se i comportamenti, i modelli di sonno, i voti, l’impegno sociale e le risposte emotive iniziano a cambiare, discuti di questi cambiamenti con tuo figlio. Sii aperto nel parlare con lui o lei e discuti un piano per migliorare le cose.

D: I bambini parleranno dei loro sentimenti di essere sopraffatti? 

R: Ogni bambino è diverso. Alcuni bambini possono amare lo sport e non riconoscere lo sforzo che sta causando loro. Altri possono essere molto capaci di spiegare lo stress della loro vita. Sta ai genitori riconoscere i problemi e parlarne con loro.

D: Quali consigli hai per trovare l’equilibrio?

  1. Non dimenticare le tue priorità . Va bene prendersi un giorno libero dal gioco o un allenamento se si tratta di una vacanza speciale o di un evento familiare. Avvisate l’allenatore in anticipo. A volte le priorità familiari e personali devono venire prima.
  2. Molte volte, meno è di più! Quando i genitori sentono lo stress di avere troppi eventi sportivi e non hanno il tempo personale e familiare per fare il check-in e impegnarsi con i loro figli, potrebbe essere il momento di decidere quali sport e attività sono più importanti e quali possono essere accantonati per adesso. 
  3. Il tuo pediatra può aiutarti . Se hai provato a risolvere i problemi in famiglia, ma hai ancora domande e non sei sicuro di come trovare quel sano equilibrio, chiedi consiglio al pediatra di tuo figlio.

D: Cosa può fare un genitore per aiutare i propri figli?

R: Il tempo che i bambini trascorrono in famiglia svolgendo attività divertenti può essere altrettanto prezioso per l’autostima e la padronanza delle abilità. I genitori possono modellare una buona sportività per i bambini in molti contesti. Impegnati insieme in attività sportive familiari e di quartiere come corse in comunità, giri in bicicletta, nuotate e/o escursioni nel tuo quartiere o nei parchi. 

E infine, ricorda: i bambini imparano con l’esempio. Cerca di essere un buon modello per i tuoi figli rimanendo attivo e vivendo in modo sano ed equilibrato. Puoi essere sicuro che prenderanno piede!

I 6 modi migliori per stancare il tuo bambino (e 3 cose da NON fare)

Sputare dopo i pasti non è sempre una malattia da reflusso acido