in

I nomi dei bebè VIP più famosi a cui ispirarsi

Scegliere un nome per il proprio bebè è un compito molto arduo, in quanto sappiamo che lo accompagnerà per tutta la vita.

La maggior parte dei genitori ha paura di cadere nel banale o di non rispettare arcaiche tradizioni di famiglia che vogliono che la progenie venga battezzata con il nome di avi più o meno lontani nel tempo.

Per fortuna, l’eco mediatica di VIP nazionali e internazionali può essere un valido aiuto sulla scelta di un nome.

Perciò mi sono chiesta: quali sono i nomi dei bebè VIP più originali a cui dei futuri genitori possono ispirarsi?

I nomi più strani scelti dai divi di Hollywood

Le star di Hollywood sono note per i loro comportamenti anticonvenzionali e, molto spesso, anche nella scelta del nome dei figli si sono dimostrati piuttosto originali.

Nella mia ricerca ne ho estrapolati otto:

  • Blue Ivy
  • Fuchsia
  • Apple
  • Shiloh Nouvel
  • Hazel e Phinnaeus
  • Bluebell
  • North
  • Summer Rain

Blue Ivy è il nome della bambina di Beyoncé e del rapper Jay – Z; Fuchsia quello della figlia di Sting; Apple della piccola di Gwyneth Paltrow, Shiloh Nouvel della primo genita di Brad Pitt e Angelina Jolie; Hazel e Phinnaeus dei gemelli di Julia Roberts; Bluebell della figlia di Geri Halliwell (ex Spice Girls); North della bimba di Kim Kardashian; Summer Rain quello della figlia di Christina Aguilera.

I nomi più strani scelti dai VIP italiani

Anche in Italia alcuni personaggi dello showbiz hanno optato per nomi anticonvenzionali, regalandoci altri 7 ipotetici appellativi tra cui scegliere.

  • Adelmo Blue
  • Chanel
  • Swami
  • Nathan Falco
  • Maelle
  • Oceano
  • Leone

Adelmo Blue è il nome del figlio di Zucchero Fornaciari; Chanel quello della coppia Totti-Blasi; Swami è la bambina di Elenoire Casalegno; Nathan Falco è invece il primo genito di Elisabetta Gregoraci; Maelle è la figlia di Antonella Clerici; Oceano quello del figlio di Lapo Elkann; Leone quello del primo nascituro dei Ferragnez.

Le tate più famose della Royal Family inglese

Giochi in legno: perché preferirli